Egon Schiele ⋯

Le sole cose che si possono ammirare per lungo tempo sono quelle che si ammirano senza sapere perché.


Crediti
 • Jean Rostand •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Ho visto l’Aleph
47% AnonimoPoesieTesti
Mi sono svegliato Perso in quel posto dove non si può arrivare E ho osservato Quello che è e non c’è. Mi sono svegliato Perso. Senza sapere cosa fare e dove andare. Senza pioggia né sole né aria né terra. Mi sono svegliato E ho pronunciato quel verso che ⋯
Vorrei sapere…
39% Joyce LussuPoesie
Vorrei sapere quando ti ho perso in quale data in che momento forse quel martedì ch’ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi triste o un mese prima d’averti visto forse quella domenica pomeriggio ch’ero allegra e parlavo troppo di me forse in una data remota inesplicabile e ignota come il tr⋯
Il sapere è un enigma
36% Jacques LacanSchiele Art
Questo enigma ci viene resoEroe tracio che combattè al fianco dei Troiani nella guerra di Troia (Hom. Il. 10, 434 ss.). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome era rezos, forma trace per il latino rex, dall'indoeuropeo *rego-s, che in greco non è sopravvissuto: in trace la -g palatale si... Leggi presente dall’inconscio quale si è rivelato attraverso il discorso analitico. Esso si enuncia così: per l’essere parlante il sapere è ciò che si articola. Si sarebbe potuti accorgersene da un bel pezzo, dal momento che, nel tra⋯
A chi ci crede davvero
36% IdeeOssimoro TossicoPoesie
Credo alle persone. Ma non a tutte. Credo ai bambini, perché se gli credi sono capaci di insegnarti grandi cose. Credo alle persone che quando non hanno nulla da dire sanno restare in silenzio. A quelle che comunicano con gli sguardi. E a quelle che, ogni⋯
Ognuno ha il suo ordine
32% IneditiSergio Parilli
Sono le combinazioni degli eventi, dei differenti fattori che si mettono davanti a noi, chiedendoci di essere ordinati secondo la nostra natura. Certo, se hai tre cose è facile metterle in ordine, anche se ne hai dieci. Quando le cose sono molte, far sì c⋯