Egon Schiele ⋯
Dimmi, chi ami di più, tu uomo enigmatico? Tuo padre, tua madre, tua sorella o tuo fratello?
– Non ho padre, né madre, né sorella o fratello.
I tuoi amici?
– Ti servi di una parola il cui senso m’è rimasto fino a questo momento sconosciuto.
La tua patria?
– Ignoro sotto quale latitudine essa sia situata.
La bellezza?
– L’amerei volentieri, dea e immortale.
L’oro?
– Lo odio, come tu odi Dio
Eh! Che ami dunque, straordinario straniero?
– Amo le nuvole.. le nuvole che passano.. laggiù.. laggiù.. le nuvole meravigliose.

Crediti
Charles Baudelaire
Lo spleen di Parigi
Egon Schiele
Similari
Odio tutti i silenzi
294% Alessandro BariccoLibri
Io sono Hector Horeau e vi odio. Odio i sonni che dormite, odio l’orgoglio con cui cullate lo squallore dei vostri bambini, odio ciò che toccano le vostri mani marce, odio quando vi vestite per la festa, odio i soldi che avete in tasca, odio la bestemmia ⋯
Il caso Nietzsche
233% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il Deserto
135% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
L’invenzione dell’inconscio
115% ArticoliJacques LacanPsicologia
Il movimento fondamentale dell’insegnamento di Lacan è un ritorno a quella che egli considera l’invenzione principale di Freud: l’inconscio. Lacan sottolinea l’inconscio come invenzione di Freud, nel senso che questi, non è il Cristoforo Colombo della psi⋯
Nemici del popolo
100% ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯