Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini
Si tratta di una delle sculture giovanili del Bernini, eseguite per il cardinale Scipione Borghese. L’artista ha qui tentato di rendere il movimento in scultura, operazione assai difficile considerata la natura stessa del mezzo utilizzato. Tuttavia egli ha lavorato e lisciato a tal punto il marmo, da renderlo una membrana sottile, del tutto simile alla pelle, in grado di mostrare anche quelle piccole pieghe che si formano ai fianchi quando si gira il busto. Quindi, non solo è riuscito quasi a trasmettere la vita al marmo, ma soprattutto è stato capace di comunicare la sensazione del movimento: Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi è colto nel suo ultimo slancio verso l’amata ninfa, dopo averla a lungo inseguita, con la gamba sinistra sollevata, il mantello gonfiato dal vento alle sue spalle, ed i capelli mossi all’indietro, egli in realtà già affonda la mano sinistra nella carne della fanciulla, toccandole un fianco, tuttavia, la parte superiore del corpo, ed in particolare la spalla destra, non sembra naturalmente protesa in avanti, come il resto del corpo, ma piuttosto quasi volta in direzione opposta, come contratta per la sorpresa, mentre il suo volto non lascia trasparire emozioni forti, sembra piuttosto concentrato e pensieroso riguardo alla vicenda che si trova a vivere. Dafne DafneNinfa, figlia di Penèo e di Gea. Quando inseguita dal dio Apollo che voleva possederla a tutti i costi, pregò la madre Gea di salvarla. Allora Gea, la mutò in alloro. Apollo, innamorato staccò un ramo dalla pianta, se ne fece un serto e... Leggi è raffigurata invece nel momento in cui il suo corpo gira su stesso per sfuggire alla presa del dio, e proseguire la sua fuga: questo movimento viene perfettamente resoEroe tracio che combattè al fianco dei Troiani nella guerra di Troia (Hom. Il. 10, 434 ss.). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome era rezos, forma trace per il latino rex, dall'indoeuropeo *rego-s, che in greco non è sopravvissuto: in trace la -g palatale si... Leggi nella parte superiore della figura, nel busto, e soprattutto nel modo in cui i capelli ruotano al vento, tuttavia, è come se la parte inferiore del suo corpo non rispondesse più alla sua volontà, le sue gambe rimangono, infatti, fisse nel terreno, il piede sinistro ha perso quasi del tutto l’aspetto umano, ed è divenuto radice, e altrettanto sta accadendo al destro, che la ninfa cerca ancora di sollevare, inoltre la corteggia sta già avvolgendola, fondendosi in parte con la sua carne. Nello stesso tempo le punte delle sue dita sono divenute foglie d’alloro, così come le estremità di quei capelli che ruotano nel vento, ma Dafne non rivolge ancora lo sguardo in avanti, e quindi non può vederle, la sua testa sta, infatti, ancora compiendo quel movimento rotatorio, dettato dalla volontà di sfuggire al dio, che ha visto arrivare dietro di lei. Tuttavia, sul suo volto, caratterizzato dalla bocca semiaperta, sembra di cogliere non solo l’espressione di terrore per essere stata raggiunta da Apollo, ma anche, in un certo senso, il sollievo, come se Dafne presagisse la sua definitiva metamorfosi, come se già sapesse che il desiderio espresso al padre PeneoFiume dell'Elide, nel Peloponneso. Con le sue acque e con quelle dell'Alfeo Eracle ripulì le stalle di re Augia.... Leggi sta per essere esaudito. La scultura, tutta costruita secondo avvicinamenti e distacchi, si consideri, ad esempio, che mentre da un lato il braccio sinistro di Apollo è proteso in avanti ad afferrare il fianco della ninfa, a sua volta spinto all’indietro, dall’altro il braccio destro del dio è aperto in direzione opposta, e al contrario il braccio destro di Dafne è sollevato in avanti, si caratterizza, quindi, per il perfetto equilibrio delle sue parti, e per la sua capacità di rendere quasi reale il movimento dei due protagonisti: l’artista cimentandosi qui con un soggetto complesso e solitamente caro ai pittori, è riuscito a realizzare un’opera eccellente, perfetta traduzione visiva del racconto ovidiano. La presenza di questo gruppo scultoreo, raffigurante appunto un mito pagano, in casa di un cardinale, venne allora giustificata per mezzo di un distico moraleggiante, composto in latino dal cardinale Maffeo Barberini, ed inciso nel cartiglio alla base della statua dal Bernini stesso, il distico recita:

Quisquis amans sequitur fugitivae gaudia formae
fronde manus implet baccas seu carpit amaras

Chi amando segue le fuggenti forme dei divertimenti,
alla fine si riempie la mano di fronde e coglie bacche amare


Crediti
 • Elisa Saviani •
 • Pinterest •  Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini • 1622 - Galleria Borghese •

Similari
La creazione di Enkidu
21% AnonimoStorie
Così la dea concepì nella sua mente un’immagine, ed era fatta della sostanza di Anu del firmamento. Nell’acqua immerse le mani, trasse un pizzico di argilla, lo lasciò cadere nella landa deserta e fu creato il nobile Enkidu. C’era in lui la virtù del dio ⋯
Colpo di forbici
21% EstrattiFëdor Dostoevskij
Gli sembrò strano e sorprendente già il fatto che egli si era fermato, come in passato, proprio in quel punto, come se effettivamente s’immaginasse di poter ancora pensare alle stesse cose cui aveva pensato un tempo e interessarsi di questi stessi argomen⋯
Il fluire degli elementi
20% AforismiSergio Parilli
È l’incontro nello stesso percorso che fa la differenza, dove il vento e la vela, s’incontrano per spostarsi. Se la vela taglia forte il vento e il vento smette d’incontrarla, si rischia lo stallo. La vela da sola, rappresenta se stessa, è solo una vela: ⋯
Come forare il muro
19% FilosofiaGilles Deleuze
È questo che mi sembra interessante nelle vite, i buchi che comportano, le lacune, talvolta drammatiche, talvolta no. Le catalessi o quelle specie di sonnambulismo di più anni, che la maggior parte delle vite possiedono. Forse è in questi buchi che avvien⋯
L’apparato tecnico e sociale
19% Carl SchmittSchiele Art
Il braccio dell’uomo che regge la bomba atomica, il cervello dell’uomo che innerva i muscoli di questo braccio umano, non è tanto – nel momento decisivo – un arto del singolo individuo, quanto piuttosto una protesi, una parte dell’apparato tecnico e socia⋯