Egon Schiele ⋯
Vidi Mario Santiago e Orlando Guillén
i poeti perduti del Messico
che se la ridevano alla grande
Nei murali di una nuova università
chiamata inferno o qualcosa di simile
a una specie di inferno pedagogico
Ma vi assicuro che la musica in sottofondo
era quella popolare di Veracruz o di Tamaulipas
non sono in grado di precisarlo
Amici miei era il giorno della presentazione
de «I Poeti Perduti del Messico»
cosicché potete già immaginarvelo
Mario e Orlando ridevano ma come in una ripresa rallentata
come se nel murale nel quale vivevano
non esistesse la fretta o la velocità
Non so se mi spiego
come se le loro risa si propagassero minuziosamente
su un orizzonte infinito
Ricordi quei cieli dipinti dal Dr. Atl?
sì, li ricordo, e ricordo anche
le risate dei miei amici
Quando non vivevano ancora nel murale labirintico
e apparivano e scomparivano come la poesia vera
quella che ora visitano i turisti
Ubriachi e impasticcati come documenti di sangue
ora spariscono nello splendore geometrico
che è il Messico che gli appartiene
Il Messico delle solitudini e dei ricordi
quello del metrò notturno e dei caffè cinesi
quello dell’alba e degli atole.

Crediti
 • Roberto Bolaño •
 • I cani romantici •
  • trad. Francesco Marotta •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Parabola
26% Renzo NovatoreSocietà
Sì: io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sono un essere multiforme e una realtà complicata! È solo nello specchio dei passati ricordi e nei sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi dell’avvenire ch’io posso penetrare, contemplare e comprendere la vera e profonda essenza di questo enigmatico e misterioso essere mio. Uomini,⋯
La gioia dell’inferno
25% CinemaGiorgio Manganelli
Giacché tu puoi aver ragione quando dici che questo è l’inferno, ma non spieghi quel che è essenziale a intendere la nostra collocazione, la tua non meno della mia; cioè, se l’inferno sia o meno all’inferno. Ma se possiamo collocare l’inferno all’inferno,⋯
La visita al convalescente
23% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
La conosci tu la solitudine?
23% Albert CamusSchiele Art
Sì, quella dei poeti e degli impotenti. Quale solitudine? Ma non lo sai che non si è mai soli? E che dovunque ci portiamo addosso tutto il peso del nostro passato ed anche quello del nostro futuro? Tutti quelli che abbiamo ucciso sono sempre con noi. E fo⋯
Città Invisibili
22% FrammentiItalo Calvino
L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne ⋯