Antonin Artaud

È stato un commediografo, attore teatrale, scrittore e regista teatrale francese. Nel libro Il teatro e il suo doppio, Artaud espresse la sua ammirazione verso le forme orientali di teatro, in particolare quello balinese. L’ammirazione ispiratagli dalla fisicità ritualizzata e codificata della danza balinese, gli ispirò le teorie esposte nei due manifesti del “Teatro della Crudeltà”. Per crudeltà non intendeva sadismo, o causare dolore, ma intesa come pura catarsi. Per poter giungere a ciò, si deve ricorrere a tutto ciò che possa disturbare la sensibilità dello spettatore, provocando in lui una sensazione acuta di disagio interiore per cui vivesse con agitazione tutta la rappresentazione proposta. Artaud riteneva che il testo avesse finito con l’esercitare una tirannia sullo spettacolo, ed in sua vece spingeva per un teatro integrale, che comprendesse e mettesse sullo stesso piano tutte le forme di linguaggio, fondendo gesto, movimento, luce e parola. Fonte: Le-citazioni.it

Cercare il vero per strada

Egon Schiele ⋯ Two gutterenipes
Il pubblico, anche se ritiene vero ciò che è falso, ha il senso del vero e risponde sempre quando glielo si presenta. Oggi però non è più sulla scena che dobbiamo cercare il vero, ma per strada. ⋯

Nella materia, non vi sono dei

 ⋯ Pascale Pratte ⋯ Nella materia, non vi sono dei. Nell’equilibrio, non vi sono dei. Gli dei sono nati dalla separazione delle forze e morranno alla loro riunione. ⋯

L’istruzione è un vestito

 ⋯  Max Gasparini ⋯
Si può essere istruiti senza essere veramente colti. L’istruzione è un vestito. La parola istruzione significa che una persona si è rivestita di conoscenze. È una vernice, la cui presenza non implica necessariamente il fatto di aver assimilato quelle conoscenze. La parola cultura, di ⋯

Contatto con l’intera creazione

Egon Schiele ⋯ Ciò che differenzia i pagani da noi, è che all’origine di tutte le loro credenze vi è un terribile sforzo per non pensare in quanto uomini, per mantenere il contatto con l’intera creazione, cioè con la divinità. ⋯

Festa notturna

 ⋯  ⋯

Legatemi pure se volete

L’uomo è malato perché è mal costruito.
Bisogna decidersi a metterlo a nudo per grattargli
via questa piattola che lo rode mortalmente, dio,
e con dio
i suoi organi, Legatemi pure se volete,
ma non c’è nulla che sia più inutile di un organo. ⋯

Né anima né agaragar

 ⋯
La vita non è questa noia distillata in cui da sette eternità si fa macerare la nostra anima, non è questa infernale morsa in cui ammuffiscono le coscienze, e che ha bisogno di musica, di poesia, di teatro e di amore per esplodere di ⋯

Quando la gravità non è conforme

Vincent van Gogh ⋯ Una strada a Saint-Rémy con figura di donna
No, van Gogh non era pazzo, ma le sue pitture erano pece greca, bombe atomiche, la cui angolazione, confrontata con tutte le altre pitture che imperversavano in quell’epoca, sarebbe stata capace di turbare gravemente il conformismo larvale della borghesia del Secondo Impero. ⋯

Il suicidato della società

 ⋯
La vita presente si mantiene nella sua vecchia atmosfera di stupro, anarchia, disordine, delirio, sregolatezza, pazzia cronica, inerzia borghese, anomalia psichica (perché non l’uomo, ma il mondo è diventato un anormale), di voluta disonestà ed esimia tartuferia, di lurido disprezzo per tutto ciò che ⋯

Copertura chiusa

Egon Schiele  ⋯ Da una premeditazione del non-essere
da un criminale incitamento del può essere,
è venuta la realtà,
come dal caso che la fornicava. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi