Saggista romeno naturalizzato francese. Figlio di un prete ortodosso, studiò in Romania, ove pubblicò le prime opere, tra cui Lacrimi şi sfinti. A Parigi dal 1937, nel 1947 cominciò a scrivere in francese, pubblicando via via i saggi in cui si presentava come testimone della “décomposition” del mondo contemporaneo, continuatore e insieme negatore di Nietzsche, reazionario e anarchico, apostolo di una scrittura frammentaria e fortemente aforistica.

Verso la singolarità

Egon Schiele ⋯ Più facciamo progressi interiori più diminuisce il numero di coloro con cui possiamo realmente comunicare. ⋯

Vivere significa ingannarsi

Egon Schiele ⋯
L’origine dei nostri atti sta nella propensione inconscia a ritenerci il centro, la ragione e l’esito del tempo. I nostri riflessi e il nostro orgoglio trasformano in pianeta la briciola di carne e di coscienza che noi siamo. Se avessimo il giusto senso della ⋯

Dissoluzione delle convinzioni

Egon Schiele  ⋯ Wrapped in plaid blanket
È alle epoche dissolute che va il merito di mettere a nudo l’essenza della vita. La «verità» non traspare se non quando gli uomini, dimentichi del delirio costruttivo, si lasciano andare alla dissoluzione delle morali, degli ideali e delle credenze. ⋯

Il non-nato

Egon Schiele ⋯ Torso femminile Non sono mai a mio agio nell’immediato, mi seduce solo quello che mi precede, quello che mi allontana da qui, gli istanti innumerabili in cui non fui: il non-nato. ⋯

Trasfigurazione cosmica, essenziale

 ⋯
Se solo potessi portare il mondo intero all’agonia, per purificare le radici stesse della vita! Le incendierei con fiamme ardenti e insinuanti, non per distruggerle, ma per dar loro una linfa e un calore diversi. Il fuoco che appiccherei al mondo non porterebbe alla ⋯

La brama di potenza del fanatico

 ⋯
Il fanatico è incorruttibile: se per un’idea è capace di uccidere, allo stesso modo può farsi uccidere per essa; in entrambi i casi, sia egli tiranno o martire, è un mostro. Non esistono esseri più pericolosi di quelli che hanno sofferto per una convinzione: ⋯

Valori intercambiabili

⋯ ⋯
«Destra» e «sinistra», semplici approssimazioni di cui sfortunatamente non possiamo fare a meno. Non farvi ricorso significherebbe rinunciare a prendere posizione, sospendere il proprio giudizio in materia politica, affrancarsi dalle servitù della durata, esigere che l’uomo si desti all’assoluto, che ⋯

Sensazioni non lineari

Egon Schiele ⋯ Donna seduta di spalle Ci sarà sempre un conflitto tra quello che so e quello che sento. ⋯

Senso di perdita

 ⋯ Egon Schiele ⋯
Perché essa fa seguito all’atto sessuale, perché si è tristi dopo una sbornia formidabile o un eccesso dionisiaco, perché le grandi gioie sono foriere di tristezza? Perché di tutto lo slancio consumato in questi eccessi restano solo il sentimento dell’irreparabile e il senso di ⋯

Camuffare le ferite

Double self-portrait Devo fabbricarmi un sorriso, munirmene, mettermi sotto la sua protezione, frapporre qualcosa tra il mondo e me, camuffare le mie ferite, imparare, insomma, ad usare la maschera. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi