Ernest Hemingway

Ciò che non spezza uccide

Renato Guttuso
Il mondo spezza tutti quanti e poi molti sono forti nei punti spezzati. Ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molto coraggiosi. Se non siete fra questi potete esser certi che ucciderà anche ⋯

Cuore di tartaruga

Egon Schiele Molti sono spietati con le tartarughe perché il cuore della tartaruga batte per molte ore dopo che è stata tagliata e squartata. Ma il vecchio pensava: anch’io ho il cuore così […]. ⋯

Tentare non nuoce

Egon Schiele ⋯ È stupido non sperare, pensò. E credo che sia peccato. ⋯

Stelle splendenti

Egon Schiele ⋯ […] e potevamo stare insieme e avere i nostri libri e la notte saremmo stati al caldo a letto insieme con le finestre aperte e le stelle splendenti. ⋯

Lungo e largo

Egon Schiele ⋯ Una volta non si sarebbe preoccupato, ma il suo lato combattivo era ormai stanco, insieme all’altro, e in quella lotta lui era ormai solo, e giaceva su quel vecchio letto, lungo e largo, senza riuscire né a leggere né a prender sonno. ⋯

La totale sconfitta

Egon Schiele ⋯ L’uomo non è fatto per la sconfitta.
Un uomo può essere abbattuto, ma non sconfitto. ⋯

Un sorriso inconsueto

 ⋯ Sorrise come soltanto i veri timidi sanno sorridere. Non era la risata facile dell’ottimista né il rapido sorriso tagliente dei testardi ostinati e dei malvagi. Non aveva niente a che fare col sorriso equilibrato, usato di proposito, del cortigiano o del politicante. Era il ⋯

Le riprese

Egon Schiele ⋯ Ti aspettavi di essere triste in autunno. Parte di te moriva ogni anno quando le foglie cadevano dagli alberi e i rami erano nudi contro il vento e la fredda luce invernale. Però sapevi che ci sarebbe sempre stata la primavera, come sapevi che ⋯

Domani inizia oggi

⋯ Fabio Calvetti ⋯ Non è che un giorno qualunque di tutti quelli che verranno, ma ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi. ⋯

Campo di grano

Egon Schiele ⋯
Morire era niente e El Sordo non aveva dentro di sé una visione chiara della morte né la temeva. Ma vivere era l’immagine di un campo di grano che ondeggia al vento sul fianco di una collina. Vivere era un falco nel cielo. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi