Solitudine che vaga

Egon Schiele ⋯
C’è una solitudine che può essere cullata. Le braccia incrociate che stringono le ginocchia. Continua, continua questo movimento che, a differenza di quello di una nave, rende calmi e contiene in sé colui che culla. È una cosa interna — tesa come la pelle. ⋯