⋯
Fin dal primo istante… avevo notato qualcosa di singolare in quell’uomo… Avvertii che doveva essere malato, malato di qualche malattia dello spirito o dell’anima o del carattere… Sempre più mi resi conto che la malattia non era dovuta a difetti della sua natura, ma viceversa alla ricchezza di capacità e di energie non armonizzate tra loro. Compresi che Haller era un genio della sofferenza e aveva coltivato, nel senso di certe frasi nietzscheane, una capacità di soffrire illimitata, geniale, spaventevole. Compresi pure che il suo pessimismo non era fondato solo sul disprezzo del mondo, ma sul disprezzo di sé, poiché, pur parlando senza riguardi e spietatamente di istituzioni o persone, non escludeva mai se stesso, anzi era sempre il primo bersaglio delle proprie frecciate, era sempre il primo contro il quale rivolgeva il suo odio e la sua negazione.

Crediti
 • Hermann Hesse •
 • Il lupo della steppa •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Questa malattia era la mediocrità
21% LibriMihail Ageev
Questa malattia era la mediocrità. La mediocrità che consiste nella capacità dell’uomo di guardare con disprezzo tutto ciò che non riesce a comprendere, e la profondità di questa mediocrità cresce con il crescere della nullità e dell’inutilità di questi o⋯
Capacità di amare
21% José Bergamín GutiérrezSchiele Art
Un’anima colma e forte non solo supera le più dolorose e terribili perdite, e sopporta privazioni, disistima, disprezzo ma esce da questi inferni più forte, piena e potente, e infine, ciò che è essenziale, arricchita da un aumento della sua capacità di am⋯
L’insieme dei sintomi di una malattia
19% Gilles DeleuzePsicologia
Scrivere non è raccontare i propri ricordi, i propri viaggi, i propri amori e i propri lutti, i propri sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi e i propri fantasmi. Sarebbe come peccare per eccesso di realtà, o d’immaginazione: in ambedue i casi è l’eterno papà-mamma, struttura edipica che⋯
Fotografare è una mania meschina
19% LibriThomas Bernhard
Disprezzo quelli che fotografano di continuo e girano tutto il tempo con la macchina fotografica appesa al collo. Sono alla continua ricerca di un soggetto e fotografano tutto, anche le cose più insensate. Non hanno altro in testa, di continuo, se non di ⋯
I ragazzi che si amano
17% Jacques PrévertSchiele Art
I ragazzi che si amano si baciano in piedi, contro le porte della notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi, e i passanti che passano li segnano a dito, ma i ragazzi che si amano, non ci sono per nessuno, ed è la loro ombra soltanto, che trema nella notte, stimolando la rabbia dei passanti,⋯