Egon Schiele ⋯ Street corner in Krumau
Ebbe la sensazione di sprofondare disperatamente tra i cuscini e i giornali e i corpi dei suoi bambini, come un uomo in balìa delle sabbie mobili. Poi, una volta finiti i fumetti, si alzò in piedi con una certa difficoltà, ansimando piano, e se ne stette per parecchi minuti ritto al centro del tappeto, stringendo i pugni nelle tasche per non fare quella che d’un tratto gli pareva l’unica cosa al mondo di cui avesse davvero voglia: agguantare una sedia e scaraventarla fuori dalla finestra panoramica.
Che razza di vita era mai quella? Quale, in nome di Dio, era il succo o il significato o lo scopo di una vita del genere?
All’imbrunire, appesantito dalla birra, Frank si ritrovò ad aspettare con ansia il momento in cui i Campbell sarebbero venuti a trovarli. Di regola la cosa lo deprimeva (“Perché non ci vediamo mai con qualcun altro? Ti rendi conto che in pratica sono gli unici amici che abbiamo?”), ma stasera presentava altre attrattive. Perlomeno April, in loro compagnia, avrebbe dovuto ridere e chiacchierare; perlomeno sarebbe stata costretta a sorridergli di tanto in tanto e chiamarlo “caro”. E poi, era innegabile che i Campbell pareva avessero il potere di far venire a galla il meglio di loro due.
– Ciao! – esclamarono a vicenda.
– Ciao!… Ciao!…
Quest’unica parolina allegra, sbocciata nel crepuscolo che andava addensandosi e rimandata all’uscio della cucina dei Wheeler, costruiva per tradizione l’annuncio di un ricevimento serale. Poi vennero le strette di mano, i baci dati con labbra solennemente increspate, i sospiri di amabile stanchezza – “A-a-a-h” e “U-u-u-h” – a suggerire che chilometri e chilometri di sabbia ardente erano stati percorsi per trovare quest’oasi o addirittura che il respiro stesso della vita era stato trattenuto, dolorosamente, in attesa del promesso sollievo. In soggiorno, dopo aver posato appena le labbra con una smorfia allegra sull’orlo gelido dei rispettivi bicchieri, si raccolsero in un attimo di mutua ammirazione; poi si lasciarono andare in varie pose di controllato collasso.

Crediti
 • Richard Yates •
 • Revolutionary Road •
 • SchieleArt •  Street corner in Krumau • 1916 •

Similari
Gli artiglieri
24% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
In questa poesia gli artiglieri se ne stanno insieme. I volti bianchi, le mani aderenti ai loro corpi o nelle tasche. Alcuni tengono gli occhi chiusi o guardano per terra. Gli altri ti scrutano. Occhi che il tempo ha resoEroe tracio che combattè al fianco dei Troiani nella guerra di Troia (Hom. Il. 10, 434 ss.). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome era rezos, forma trace per il latino rex, dall'indoeuropeo *rego-s, che in greco non è sopravvissuto: in trace la -g palatale si... Leggi vuoti. Tornano a fare gruppo dopo⋯
Il grafema
23% Jacques DerridaLinguaggio
Un segno incomincia a ripetersi dal momento in cui sorge. Se non fosse così, non sarebbe segno, non sarebbe quello che è, cioè quella non-identità a sé che rinvia regolarmente allo stesso. Vale a dire a un altro segno che a sua volta nascerà suddividendos⋯
L’antica credenza nel peccato
20% FrammentiWalter Tevis
Gli antheani credevano, certo, che ci fossero degli dei nell’universo, o creature che si potevano chiamare dei, ma la cosa non aveva grande importanza per loro, non più di quanto l’avesse per molti uomini. Eppure, l’antica credenza umana nel peccato e nel⋯
Il centro dell’inguine
19% Giorgio ManganelliPoesie
Conosco la pace del pensoso dinosauro, la coerenza delle zanne della tigre: dove non c’erano parole dove non ci sono parole, nel centro del centro del centro delle cose sorde, vitali, sanguinose, dove si enumerano stomaco, unghie, genitali, intestini lung⋯
Il puro mondo oggettivo
19% Arthur SchopenhauerFilosofia
Se… grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi alla conversione della volontà, alla palingenesi, sopprimiamo l’egoismo, cessa pure l’ansiosa partecipazione alla propria persona, e con ciò il riferirsi di ogni conoscenza a un punto arbitrario: svanisce il cerchio con il suo centro, cioè l’⋯