Miniatura del XV secolo
Dopo il crollo delle città-stato greche, la caratteristica fondamentale del tempo è l’idea di cosmopolitismo. Lo stoico Zenone disegna una repubblica mondiale statalmente omogenea (‘Cosmopolis‘). In essa, ognuno è come in un gregge che vive in comune e condivide lo stesso diritto. Ma, nella maggior parte dei casi, il cosmopolitismo è apolitico: la repubblica mondiale è uno spazio vitale indefinito che non sorge da istituzioni globali e da un diritto comune, ma dalla partecipazione di tutti con una stessa ragione.

Crediti
 • Zenone di Elea •
 • La Terra come un disco circondato dall'oceano •
 • Pinterest •  Miniatura del XV secolo •  •

Similari
Il caso Nietzsche
578% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Consiglio Permanente dell’OSA
426% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
332% ArticoliSocietà
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo; Considerato che il disconoscimento ⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
281% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
278% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯