⋯

Esiste un amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi, diverso dalla passione e dal divertimento, che pure li compone. Si fa forte dell’energia dell’una e della libertà dell’altro, e unendo a queste la sua propria anima, la sua tenerezza, la sua comprensione sottile, può creare un’opera e anche un capolavoro… tra due specchi.

Crediti
 • Paul Valéry •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Visse aspettandosi morire
29% Schiele ArtTristan Corbière
Miscela adultera di tutto: Della fortunaDea romana del caso e del destino, ma in senso positivo.... Leggi e senza un soldo, Dell’energia e senza forza, E della libertà, ma storta. Del cuore, il cuore! dell’anima, no – Di amici senza un suo compagno, Dell’idea, ma senza idee, Dell’amore senza una sua amata, Pigrizia e n⋯
Chi ama qualcuno ama la sua libertà
25% Aldo BusiSocietà
Quello che mi fa disperare dell’amore è la limitatezza della sua libertà di movimento fra le due persone e la costrizione cui si sottomette la libertà stessa, esaltando quella dell’uno, umiliando quella dell’altro, in effetti fuggendo via da entrambi. L’a⋯
II «lasciar-essere»
25% FilosofiaJacques Derrida
Non solo il pensiero dell’essere non è violenza etica, ma sembra che senza di esso, nessuna etica – nel senso di Levinas – possa aprirsi. Il pensiero – o almeno la pre-comprensione – dell’essere, condiziona (in un modo suo, che esclude ogni condizionalità⋯
La fiamma di una forte volontà
24% FrammentiSándor Márai
La bellezza è di sicuro una forza, al pari del calore, della luce o della volontà umana. Comincio a credere che dietro la bellezza ci sia anche una sorta di volontà: non mi riferisco, beninteso, alla volontà di ricorrere a trattamenti estetici, non apprez⋯
Nessuno può vedere al di là di sé
23% Arthur SchopenhauerFilosofia
Con ciò voglio dire che ciascuno vede nell’altro solo quel tanto che è anche lui stesso, perché può percepirlo e comprenderlo solo nella misura consentita dalla propria intelligenza. Se questa è di infima qualità, tutte le qualità spirituali dell’altro, a⋯