⋯  ⋯
«L’uomo non è mai del tutto se stesso quando parla per proprio conto. Dategli una maschera e sarà sincero» — disse Oscar Wilde. Precisamente, quanti uomini hanno la sincerità di aprirvi il cuore o farvi vedere il loro volto nudo? Il sacrificio altrui… però è bello deificarlo, da un’età egoista come la nostra. Ma comprenderlo? Amarlo? Accarezzarlo colle proprie mani e flagellare con esso le proprie carni; chi ha l’esuberante stoicismo di farlo? Il dolore io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi l’ho amato, è stato per me il fratello più sincero, è stato lui che mi ha steso davanti quella scia di stelle lucenti e luminose. Oh! fratello sincero, che per trovarti non ho sentito il male che mi facevano le spine anche quando i miei piedi sanguinavano, e quanto ho percorso e camminato; dall’arsura sopportata il mio spirito si è essiccato, l’anima mia dallo strazio si è fatta a brandelli. Gli uomini, ed il consesso creato da essi — l’umanità — quest’associazione composta di animali ragionevoli, che non arrivano mai ad agire secondo ragione, ti hanno sempre fuggito, nell’intimo sotto la maschera per te hanno spasimato e ti hanno invocato assieme al nostro fratello sacrificio, ma sopra la maschera ci hanno dileggiati e scherniti. Eppure vedi, o dolore, che gli uomini, per ostentare almeno di volersi un po’ di bene, hanno proprio bisogno che tu li flagelli, che tu li riconcili. Quando dentro il cratere delle loro cattiverie abbiamo lasciato andare come guerriero impavido che non trema, il nostro fratello — il sacrificio — hanno riso come folli.
Non ci hanno compresi, o gli tornava conto di non comprenderci. Eppure noi, anche se ingenui fanciulli balbettanti cogli occhioni spalancati, li abbiamo compresi e abbiamo visto cosa sono gli orridi mostri. Ed abbiamo meravigliosamente ancora l’ingenuità di dirgli cosa meritano e cosa sono.
I martiri e gli eroi, i genî e gli intelletti, li amiamo come astri splendenti che hanno illuminato il cammino a chi ama le alte vette.

Crediti
 • Rogi •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Perché sono tutti uguali
31% FrammentiPhilip Roth
– C’erano delle notti in cui non riuscivo a dormire. Dicevo a Doris: Perché non la lascia? Perché non è capace di lasciarla? E sai cosa rispondeva Doris? Perché è come tutti gli altri: ti rendi conto di una cosa solo quando è passata. Perché tu non lasci ⋯
Le cinque cose reali di una vita
26% Alessandro D’AveniaPercorsi
Cinque sono le cose che un uomo rimpiange quando sta per morire. E non sono mai quelle che consideriamo importanti durante la vita. Non saranno i viaggi confinati nelle vetrine delle agenzie che rimpiangeremo, e neanche una macchina nuova, una donna o un ⋯
Pensavo nella bergère
26% FrammentiThomas Bernhard
Sono stato io a voltare le spalle a costoro, non loro a me, pensavo. Noi ci leghiamo a queste persone a filo doppio, poi, tutt’a un tratto le detestiamo e le lasciamo andare. Per anni corriamo loro appresso e mendichiamo la loro simpatia, pensavo, e a un ⋯
La conosci tu la solitudine?
25% Albert CamusSchiele Art
Sì, quella dei poeti e degli impotenti. Quale solitudine? Ma non lo sai che non si è mai soli? E che dovunque ci portiamo addosso tutto il peso del nostro passato ed anche quello del nostro futuro? Tutti quelli che abbiamo ucciso sono sempre con noi. E fo⋯
Solitudini spesso infestate dai fantasmi
24% Albert CamusPoesie
La conosci tu la solitudine? Sì, quella dei poeti e degli impotenti. La solitudine? Quale solitudine? Ma lo sai che non si è mai soli? E che dovunque ci portiamo addosso il peso del nostro passato e anche quello del nostro futuro? Tutti quelli che abbiamo⋯