⋯
E se non è la vita e se non è la natura è la lettura, è la vita e la natura della lettura, per lunghi, lunghi periodi sempre solo natura della lettura, vita fatta di libri, di riviste, di tutti i testi possibili, compensare la natura che è stata amputata, messa da parte con la lettura, che è come la natura, come la vita. Poiché non sempre, e nessun organismo ne è capace, possiamo accettare in noi la natura, possiamo accettare in noi la vita come natura, per lunghi periodi, per anni solo come lettura, la natura fatta di giornali, di ciò che è scritto. In parecchie lingue per distrarsi. In determinati punti della nostra esistenza interrompiamo la natura della nostra esistenza e ci limitiamo a esistere soltanto nei libri, in ciò che è scritto, finché abbiamo di nuovo la possibilità di esistere nella natura, molto spesso come un Altro, sempre come un Altro, sempre come un Altro sottolineato, e continuiamo a esistere nella natura. Non sopporteremmo una vita perennemente nella natura, che è sempre una natura libera, quindi, unicamente allo scopo di sopravvivere, usciamo spesso dalla natura per entrare nella lettura, e così viviamo nella lettura a lungo e più tranquillamente. Sono vissuto, sono esistito per metà della mia vita non nella natura bensì nella lettura come natura, e solo per via della prima metà mi è stato possibile vivere l’altra.

Crediti
 • Thomas Bernhard •
 • Correzione •
 • Pinterest •   •  •

Similari
La lettura come riscoperta
27% FrammentiJorge Luis Borges
Che una poesia sia scritta o no da un grande poeta è solo importante per gli storici della letteratura. Supponiamo, per seguire il ragionamento, che abbia scritto una bella poesia; consideriamolo un’ipotesi di lavoro. Una volta che l’abbia scritto, quella⋯
L’uniformità perfetta
26% Schiele ArtThomas Mann
Quella che chiamiamo noia è piuttosto un morboso accorciamento del tempo in seguito a monotonia: lunghi periodi di tempo, se non si interrompe l’uniformità, si restringono in modo da far paura; se un giorno è come tutti, tutti sono come uno solo; e nell’u⋯
Procrastinare giuramenti
25% Jean–Michel GuenassiaSchiele Art
Spesso vorremmo che la nostra vita fosse diversa. Si sogna altro, e nulla si muove. Ci ripromettiamo delle cose. Andiamo avanti con dei se che non si verificano mai. Si aspetta, si procrastina il momento in cui la nostra esistenza sarà migliore, e i giorn⋯
Sentirci giustificati d’esistere
24% Jean-Paul SartreSchiele Art
Mentre prima di essere amati eravamo inquieti per questa protuberanza ingiustificata, ingiustificabile che è la nostra esistenza, mentre ci sentivamo di troppo, ora sentiamo che questa esistenza è ripresa e voluta nei suoi minimi particolari da una libert⋯
Le voci dei nostri genitori
24% Schiele ArtThomas Bernhard
Non osavamo riflettere sulla nostra sorte così a fondo da permetterci di fare un passo avanti, meno che mai di chiarirne le cause… Evitavamo ogni parola, ogni concetto che potesse ferirci… ma non riuscivamo, neppure temporaneamente, a liberarci dal dolore⋯