⋯

Spossante paradosso del linguaggio: è grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi al linguaggio, attraverso di esso, che lo spirito si sviluppa e che noi pensiamo; e nello stesso tempo pensare è sempre, in un modo o nell’altro, rivoltarsi contro il linguaggio e lottare contro questo assoggettamento: fare ogni sforzo per prendere le distanze dai suoi partiti presi e, distaccandosi da quanto di più evidente ci impone, tentare di ritornare a monte delle sue vecchie suddivisioni. Fin qui mi son guardato dall’invocare il “tempo”, anche quando voglio pensare il cambiamento, perché credo che il “tempo” sia una costruzione del linguaggio e, più in particolare, della lingua europea, che in larga parte ci trae in inganno e ci fa deviare dalla logica del processo. Abbiamo, dopo i Greci, inscatolato sotto il termine “tempo”, chronos, tutto quello che non riusciamo più a giustificare a partire dalle nostre distribuzioni e disgiunzioni nozionali e che eleviamo a Causa egemonica, enigmatica, delle nostre vite. Di qui la domanda che, a questo punto della riflessione, non posso più fare a meno di osare: il Tempo non sarebbe quel personaggio della finzione drammatica che abbiamo inventato per dare un nome e un volto al nostro impensato e per fargli interpretare il grande ruolo esplicativo, globale quant’altri mai, che potremmo evitarci con un’attenzione più minuziosa per le trasformazioni silenziose? Il Tempo infatti fa causa comune con quella scelta greca per eccellenza che è la nostra scelta dell’Essere e gioca con esso la sua partita, recuperando quel che il pensiero dell’Essere ha lasciato cadere, in modo da servire come cornice e come supporto al “divenire” nei confronti di esso. “Essere e tempo”, Sein und Zeit, è con la sua congiunzione un titolo generico per l’intero pensiero europeo.

Crediti
 • François Jullien •
 • Le trasformazioni silenziose •
 • Pinterest •   •  •

Similari
L’identità pensiero-essere
32% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
Che pensare ed essere sono uno non può voler dire che l’essere viene pensato come uno con il pensiero, ma appunto in qualche modo viene “pensato”, ma che viene pensata nell’essere (=nel pensiero) questa loro identità, la quale in tanto è pensata in quanto⋯
Seduzione delle parole
32% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Continuino ancora a esistere ingenui osservatori di sé, i quali credono che vi siano “certezze immediate”, per esempio “io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi penso”, o, come era la superstizione di Schopenhauer, “io voglio” … Ma non mi stancherò mai di ripetere che “certezza immediata”, co⋯
Soggetto-Oggetto
29% ArticoliGiovanni Romano BacchinHome
Vi è irriducibilità tra l’intenzione del linguaggio, che è pensiero, e il linguaggio che è “i linguaggi” e ne è propriamente l’oggettivazione. “Io intendo” corrisponde a “io penso”. “Io penso” è già per se stesso “io mi penso”, ma io intendo pensarmi come⋯
Schema di pensiero prevalente
29% Aldous HuxleySocietà
In ogni dato tempo e luogo certi pensieri sono assolutamente impensabili. Ma parallelamente a questa radicale impensabilità di certi pensieri non si osserva la stessa impossibilità radicale di provare certe emozioni o compiere le azioni ispirate da tali e⋯
La compiacenza nelle grazie del tempo
28% Karl KrausSchiele Art
Tutta l’arte mi sembra essere soltanto arte per l’oggi, se non è arte contro l’oggi. Fa passare il tempo – non lo caccia via! Il vero nemico del tempo è il linguaggio. Esso vive in un intesa immediata con lo spirito indignato dal proprio tempo. Qui può na⋯