Catabasi

Acheroe

Pioppo consacrato agli Dei infernali e che cresceva nella riviera d’Acheronte. ⋯

Agatodemone

I greci tenevano la sua effigie nelle loro case come buon auspicio in quanto era il genio buono. La sua effigie era un piccolo serpente con la testa coronata e la coda con un fiore di loto, oppure come giovane che reggeva la cornucopia ⋯

Agesilao

Figlio di Eracle e di Onfale regina della Lidia. Era così detto anche Plutone in quanto governava l’aldilà. ⋯

Atropo

Una delle Moire, tagliava implacabilmente il filo della vita umana. Era raffigurata con delle cesoie, una bilancia e vestita di nero con l’espressione del viso duro, arcigna e impassibile. ⋯

Caronte

Figlio di Erebo e della Notte, traghettava le anime dei defunti attraverso l’Acheronte nel Tartaro. Sulla barca di Caronte potevano salire solo coloro che erano stati seppelliti (a questo proposito è bene leggere il mito di Sisifo) e dovevano pagare un obolo, moneta alla ⋯

Cerbero

Era il cane dalle tre teste che custodiva l’Ade. Egli aveva l’incarico di impedire ai morti di uscire ed ai vivi di entrare. Esiodo lo descrive con 50 teste, ma altri autori gliene attribuiscono da 2 a 3; Apollodoro lo descrive con tre teste ⋯

Ecate

Divinità infernale originaria dell’Asia Minore, venerata poi in Grecia in un culto trinitario con Artemide e con Demetra.
Secondo Esiodo (Teogonia 411-452), figlia di Perse e Asteria (nel resto della tradizione poetica la dea è considerata figlia di Zeus, o del Tartaro, o di ⋯

Orfeo

Orfeo - ὈρφεύςCelebre musico e poeta, figlio di Eagro o di Apollo e della Musa Calliope.
Apollo gli donò la cetra e le Muse gli fecero da maestre, per questo suonava in modo talmente dolce la sua cetra che i fiumi si fermavano per ascoltare, le ⋯

Orfismo

Orfeo nell'AdeOrfeo era ritenuto il fondatore dell’Orfismo, religione misterica che iniziò a espandersi dalla Grecia in Asia Minore dal VI secolo a.C.. Era una dottrina filosofica e cosmogonica che esaltava le forze spirituali dell’Uomo e il desiderio di identificarsi con le divinità.
I precetti religiosi ⋯

Patroclo

Menelao sorregge il corpo di PatrocloFu uno dei pretendenti alla mano di Elena. A seguito di un litigio scaturito da una partita a dadi, Patroclo uccise Clitonimo e per questo fu bandito da Opunte, accolto da Peleo, divenne l’amato di Achille. Così grande era l’amicizia che lo legava ad ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi