Infanzia

Amaltea

Nome della nutrice di Zeus a Creta, che per nascondere il piccolo da Crono ne aveva appeso la culla ad un albero ed aveva chiamato i Cureti affinché ne coprissero i vagiti con lo strepito di lance e scudi (Hygin. Fab. 139, 3). Un’altra ⋯

Anfione

Antiope era figlia di Nitteo, Zeus si unì in amore con lei. Quando rimase incinta, il padre la scacciò, e la fanciulla si rifugiò a Sicione presso il re Epopeo e lo sposò. In una crisi di disperazione, Nitteo si uccise, e lasciò a ⋯

Atalanta

Figlia di Schenèo, re di Sciro. Allevata da un’orsa divenne esperta cacciatrice e velocissima nella corsa che nessuno era capace di raggiungerla.
Quando il padre volle darle marito, Atalanta, ricordando quanto le era stato detto dall’oracolo, secondo il quale se si fosse sposata, pur ⋯

Cipselo

Figlio di Epito, re di Arcadia al momento dell’attacco degli Eraclidi (Pausan. 4, 3, 6 e 8; 8, 5, 6 e 13; 29, 5). Un altro personaggio con questo nome è un eroe corinzio, figlio di Eezione; fu nascosto alla nascita in un cofano ⋯

Corebo

1. Eroe fondatore della citta di Tripodisco presso Megara, sposò Psamathe 2., argiva, figlia di Crotopo. Uccise un mostro femminile rapitore di bambini (Pausan. 1, 43, 7) chiamato Poine, mandato da Apollo per punire la morte del figlio suo e di Psamate, Linos, sbranato ⋯

Eirene

Figlia di Zeus e di Temi, era una delle Ore e personificava la pace. Figlio suo era Pluto dio delle ricchezze, essendo queste un frutto della pace. ⋯

Eracle

Zeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d’amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto ⋯

Filandro

Figlio di Acacallide, la quale concepí da Apollo a Tarra (città cretese, cfr. Steph. Byz. s. v.) due gemelli, che furono allattati da una capra, Filacide e il nostro Filandro (Pausan. 10, 16, 5), secondo una tradizione della città di Elyros a Creta.
Si ⋯

Lino

1) Sulla nascita di Lino la tradizione è assai discordante: lo si riteneva figlio di Eagro e della musa Calliope (ma più sicuramente di Apollo), o di Magnete e della musa Clio o di Apollo e Tersicore. Lino, così come il fratello Orfeo, fu ⋯

Medeio

Figlio di Giasone e di Medea, allevato da Chirone (Paus. 2, 3, 9); cfr. Eriopide 4.
Il nome deriva dal verbo μήδομαι, “meditare un progetto, preparare” e potrebbe trattarsi di una derivazione aggettivale dal nome della madre (cfr. Medea) o di un nome coincidente ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi