Ratto

Danàidi

Le 50 figlie di Danao, re di Argo. Sposarono i 50 figli di Egitto e tutte tranne Ipermnestra, uccisero per ordine del padre i loro mariti figli e cugini, e furono perciò condannate da Zeus al Tartaro, dove scontano la loro colpa versando acqua ⋯

Egina

di Metope figlia del fiume Ladone.
Egina fu rapita da Zeus che voleva farla sua, ma Asopo avvertito da Sisifo del rapimento mise in fuga il rapitore che per sfuggire si mutò in roccia, davanti alla quale Asopo passò senza accorgersi di niente.
Zeus ⋯

Elena

Simbolo della bellezza femminile, generatrice involontaria di odio e distruzione. Nata dall’uovo di Leda assieme a Castore e Polluce e Clitennestra. Ancora undicenne viene rapita da Teseo, non avendo l’età per amare, Teseo la nasconde in un luogo sicuro in attesa che la ragazza ⋯

Europa

 ⋯
In Fenicia viveva una bellissima principessa, Europa, figlia di Agenore e di Telefassa. (o di Argiope, secondo Igino). La giovane donna si recava spesso con le sue coetanee, sulle rive del mare per bagnarsi o per intrecciare ghirlande di fiori.
Zeus dall’alto la vide ⋯

Ganimede

Figlio di Troo e di Calliroe.
Quando Zeus rapì (per fare ciò si mutò in aquila Omero, Iliade XX, 2 32 ss.; Inno omerico ad Afrodite 202 ss.; Virgilio, Eneide V, 252 ss.; Ovidio, Metamorfosi X, 155 ss.) il bel Ganimede per farne il ⋯

Gello

Nome usato come spauracchio per tenere buoni i bambini si lasciava loro credere che rapisse i bambini. ⋯

Glifio

Abitante di Trezene che tentò di usare violenza a Tiresia mentre era una donna e che fu da costei ucciso (Eustath. ad Hom. Il., 1665, 48 ss.).
Il nome deriva dal verbo γλύφω, “scolpire” e significa dunque “scultore”. ⋯

Grazio

Uno dei Giganti. ⋯

Marpessa

Figlia di Eveno 1. e di Demonice; fu rapita da Apollo, ma il fidanzato Ida si oppose al dio. Marpessa ebbe da Zeus la facoltà di scegliere fra i due pretendenti e scelse Ida (Apollod., Bibl. 1, 7, 7 s.; Simon. Fr. 58 PMG ⋯

Medea

Figlia del re di Colchide Eeta, sorella di Absirto e nipote della maga Circe. Aiutò Giasone a superare le prove che gli permisero di conquistare il vello d’oro e lo seguì a Iolco dopo averlo sposato a Drepane. Con il pretesto di rendergli vigore ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi