Con questa parola, di origine semitica si designa la pietra divorata da Crono I latini lo identificarono con Saturno, era il più giovane dei Titani. Sua sposa fu Rhea (Opi per i romani), nota anche col nome di Cibele, dal nome della dea frigia chiamata Madre degli déi o Grande Madre. Figlio di Urano (il cielo) e... Leggi al posto di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi neonato. La pietra che aveva salvato la vita a Zeus fu, poi sempre tenuta in grande considerazione.

Crediti
   • Βαίτυλοι •
 • Autori Vari
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica
Atichissimi feticci fatti con pietre di forma conica, innalzati come altari alle divinità nei luoghi più disparati, venivano asperse con vino, sangue e in modo particolare con olio di oliva. Quella di Delfi sta ad indicare la pietra divorata da Crono al posto di Zeus neonato. La pietra vomitata da Crono fu posta da Zeus a Pito (l’antico nome di Delfi Luogo sul versante meridionale del monte Parnaso, dov'era il famoso oracolo d'Apollo che per molti secoli fu adorato dai Greci e da numerosi altri popoli. Da una cavità della roccia uscivano dei vapori tossici che avevano la proprietà di eccitare chi li respirava. La... Leggi) perché rimanesse per sempre il segno degli antichi avvenimenti:

Per prima
rivomitò la pietra che ultima aveva inghiottita;
e Giove ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi la fissò nella terra dall’ampie strade,
nella santissima Pito, sottesse le valli Parnasie,
che rimanesse per segno, stupire facesse i mortali

Esiodo
Teogonia 495 ss •

Tale pietra, conservata ancora in età storica era oggetto di particolare venerazione; essa non va confusa con l’altra pietra sacra venerata a Delfi, l’«omphalòs» (l’ombelico), che segnava in Delfi il centro della terra.

Crediti
   •  Βαίτυλοι  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
Facendo strade
19% AforismiLuther Blissett
Il segno non è intorno a te, non è nei muri, nei mattoni, nella calce, nei ciottoli, no, non troverai ciò che vai cercando. Il segno è la ricerca stessa, il segno sei tu che arranchi nel fango delle strade.
Resurrezione
19% FrammentiLev Nikolàevič Tolstòj
Per quanto gli uomini si sforzassero, radunandosi a centinaia di migliaia in un posto piccolo, deturpando quella terra sulla quale si eran stretti, per quanto soffocassero la terra di pietre perché niente, in lei, nascesse, per quanto estirpassero ogni er⋯
Il segno è la ricerca
19% Luther BlissettSchiele Art
Il segno non è intorno a te, non è nei muri, nei mattoni, nella calce, nei ciottoli, no, non troverai ciò che vai cercando. Il segno è la ricerca stessa, il segno sei tu che arranchi nel fango delle strade. • Luther Blisset • • • • • Egon Schiele • •
Lo scudo di Perseo
17% LibriMaria StellaMitologia
Gli antichi greci raccontavano tante storie su Perseo Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Dato che Polidette considerava d'impaccio per le sue intenzione poco oneste nei confronti di Danae pensò di toglirselo dai piedi spingendo il giovane ad imprese impossibili. Perseo con l'incoscienza della gioventù... Leggi, ma certamente quella che amavano di più era quella in cui il figlio di Zeus e Danae Unica figlia di Acrisio re di Argo e di Euridice. Acrisio avendo avuto dallo oracolo di Delfi la predizione che un giorno sarebbe stato ucciso dal nipote, egli rimediò chiudendo la figlia in una cella sotterranea con la sola compagnia di una ancella, sicuro... Leggi riusciva a tagliare la testa a Medusa Una delle Gorgoni, l'unica mortale delle tre, figlia delle divinità marine Forco e Cheto. Era in origine una bella fanciulla, ma le sue chiome vennero tramutate in serpenti da Atena che volle punirla per essersi concessa a Poseidone in uno dei templi dedicati alla... Leggi, la terribile creatura che aveva delle serpi al posto dei capelli e rendeva di⋯
L’umida bellezza
17% Iosif BrodskijLibri
In questa città si può versare una lacrima in diverse occasioni. Posto che la bellezza sia una particolare distribuzione della luce, la lacrima è il modo con cui la retina – come la lacrima stessa – ammette la propria incapacità di trattenere la bellezza.⋯