Ἀβαρβαρέη Ninfa Naiade, generò Bucolione troiano e i due gemelli Esepo e Pedaso1. Uno dei tre cavalli di Achille, l'unico mortale, mentre Xanto e Balío erano cavalli divini (Hom. Il. 16, 152); e infatti viene ucciso con un colpo di lancia da Sarpedone, (Hom. Il. 16, 466-469). 2. Eroe troiano figlio di Bucolione e della ninfa... Leggi
2. (Hom. Il. 6, 21-22, 27-28), uccisi in battaglia da Eurialo
1. Secondo fonti tardive, avrebbe insegnato l’arte di guarire le ferite e le malattie a un altro suo figlio di nome EuforboEroe troiano, figlio di Pantoo, ucciso da Menelao (Hom. Il. 16, 808; 17, 1 ss.; 81). Il nome è un composto di εὖ, "bene" e del verbo φέρβω, "nutrire" e significa dunque "colui che nutre bene" o "ben nutrito" (Wathelet, Dictionnaire des Troyens de... Leggi (Orph. Lith. 461-464).
Formazione con raddoppiamento espressivo e ἀ- forse intensivo, dal significato dubbio: “che si esprime in un linguaggio confuso”, “che balbetta molto” (?). L’etimologia da ἀ- privativo e βόρβορος, “fango”, proposta da Pape-Benseler, per cui questo nome significherebbe “priva di fango”, cioèr “pura” (adatto ad una ninfa aquatica?), sembra insostenibile, cosí come quella da ἀ- copulativa, “la fangosa” (Reichelt, “Zeitschr. vergl. Sprachforsch.” 43, 1910, pp. 96-97), che Mette (in Snell, Lex. fr. Ep. s. v.) considera con ragione assai dubbia. Il suggerimento di Schol. ad Il. 6, 22 b, che fa derivare questo noma da un oscuro ἀβέρβελλον, “abbondante e confuso”, non sembra molto convincente.

Similari
Manifestazione di un linguaggio sostanziale
22% Schiele ArtWikipedia
Dal post – impressionismo, l’evoluzione tecnica segna una svolta stilistica, del linguaggio formale espressivo, moderna rappresentazione dell’arte, modus “De profondis”, direi “viscerale”, di esprimere i soggetti, oltre all’intima relazione tra la massa c⋯
Possibilità del linguaggio
21% Gilles DeleuzeLinguaggio
Sono gli eventi che rendono possibile il linguaggio. Ma rendere possibile non significa far cominciare. Si comincia nell’ordine della parola, non in quello del linguaggio, in cui tutto deve essere dato simultaneamente, in un colpo unico. Vi è sempre qualc⋯
Il linguaggio parla come essenziale
21% LinguaggioMaurice Blanchot
La parola poetica non si oppone più allora soltanto al linguaggio comune ma anche al linguaggio del pensiero. In questa parola non siamo più rinviati al mondo, né al mondo come rifugio, né al mondo come insieme di scopi. In essa, il mondo arretra e gli sc⋯
Il linguaggio non comincia che con il vuoto
20% LinguaggioMaurice Blanchot
È necessario, affinché nasca il vero linguaggio, che la vita che questo linguaggio porterà abbia fatto l’esperienza del suo nulla, che abbia “tremato” nel profondo e che tutto ciò che in essa era fisso e stabile abbia vacillato. Il linguaggio non comincia⋯
Io ti desidero
20% LinguaggioRoland Barthes
Il linguaggio è una pelle: io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sfrego il mio linguaggio contro l’altro. È come se avessi delle parole a mo’ di dita, o delle dita sulla punta delle mie parole. Il mio linguaggio freme di desiderio. Il turbamento nasce da un duplice contatto: da una parte, ⋯