Una delle nove figlie di Piero, tramutata dalle Muse I Romani assimimilarono le Muse con le loro antiche divinità locali chiamate Camene e che erano ninfe delle sorgenti e delle acque venerate presso il boschetto di Porta Capena. Figlie di Zeus e di Mnemosine (che significa Memoria). Il sommo dio si unì per... Leggi in canarino, per punirla, insieme con le sorelle, di averle sfidate nel canto.

Crediti
   • Ἀκαλανθίς •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica
Figlia del re di Macedonia Piero. Con le sue otto sorelle osò sfidare le Muse nel canto, e queste le trasformarono in uccelli: Acalantide divenne un cardellino (Anton. Lib. Metam. 9).
Il nome significa appunto “cardellino(D’Arcy Thompson, A Glossary of Greek Birds, pp. 30 ss.) e deriva da ??a??a, che indica varie piante spinose come i cardi, con metatesi da *??a??a???.

Crediti
   • Ἀκαλανθίς •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Un’arma terribile
14% AforismiFranz Kafka
Ora però le sirene Figlie del dio fluviale Acheloo e della Musa Calliope. Erano le messaggere di Persefone. Il loro compito era quello di fare entrare le anime dei defunti nell'Ade addolcendogli il passo col loro canto. Erano figurate come uccelli con la testa e il torso di... Leggi hanno un’arma ancor più terribile del canto, ed è il loro silenzio. È forse pensabile… che qualcuno possa salvarsi dal loro canto: sicuramente non dal loro ammutolire. • Franz Kafka • • • • • Pinterest • •
Dimora d’ogni cosa
13% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯
L’uomo curvo
13% Jean-Paul SartreSchiele Art
L’atteggiamento costituzionale di Baudelaire è quello d’un uomo curvo. Curvo su se stesso, come Narciso Figlio della ninfa Lirìope e del dio fluviale Cefìso. Ragazzo dalla bellezza indescrivibile. Di lui si innamorò la ninfa Eco, lui non volle corrisponderla e la povera ninfa si ridusse a un'ombra e non rimase altro che la voce. Nemesi la dea che puniva... Leggi. Non v’è in lui coscienza immediata che uno sguardo acuto non la trapassi. A noialtri basta vedere l’albero o la casa; tutti assorti nel contemplarli, ⋯
Ciò che fa dell’essenza umana
13% FilosofiaMartin Heidegger
Inizialmente memoria significa anima e il raccolto rimaner presso. Ma queste parole parlano qui nel modo più ampio e più essenziale. Anima non indica solo, per parlare in termini moderni, l’aspetto emotivo della coscienza umana, ma ciò che fa dell’essenza⋯
Dimora d’ogni cosa
12% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notte arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯