Re della Tessaglia, partecipò alla guerra di Troia e partecipò al famoso viaggio degli Argonauti. Ospitò Apollo quando fu punito da Zeus a servire un mortale per aver ucciso i Ciclopi coi suoi dardi. Admeto accolse benignamente Apollo affidandogli la cura dei suoi armenti, per questo il dio venne pure salutato come protettore dei pastori. Aiutato dal dio riuscì a sposare Alcesti figlia del re di Iolco, e quando fu colpito da una grave malattia, sempre con l’aiuto del dio riuscì a sfuggire al mortale colpo delle Moire, a condizione che un’altra persona si offrisse come vittima, ma, nemmeno i vecchi genitori (ormai prossimi alla fine) accettarono di prendere il suo posto. Solo AlcestiFiglio di Perséo, sposo di Ipponoma (o Ippomene) e padre di Anfitrione, fu il nonno di Eracle.Moglie di Admeto re di Tessaglia, figlia di Pelia e di Anassabia. Admeto per conquistare Alcesti dovette sottostare alle prove che Pelia imponeva a tutti gli aspiranti alla... Leggi si offrì di sacrificarsi per lui. Questo gesto d’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi sembrò a Persefone Nei poemi omerici è la terribile moglie di Ade, il re dell'Tartaro, dall'aspetto spaventoso e dal volto simile a quello di Medusa; a lei, regina dei morti, si rivolgono gli uomini perchè le loro imprecazioni abbiano efficacia. Ma in un secondo tempo Persefone venne... Leggi tanto sublime che intercedè da Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita) e alla sua guardia sta Cerbero. Nell'Ade scorrono quattro... Leggi ed ottenne che essa ritornasse sulla terra. Secondo un’altra versione Ade non si sarebbe commosso allora Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi discese all’Ade combattendo con Tanato la Morte sconfiggendola la legò con una catena di diamanti e tenendola così prigioniera sino a che ottenne la restituzione di Alcesti che ricondusse trionfalmente a casa. Una delle ninfe Con questa parola i Greci designano una giovane donna in età sessuale matura, per cui il termine poteva essere usato per indicare senza distinzione una dea o una mortale. Il termine anche se indicava una figlia di dea o una figlia di dio non... Leggi Oceanine Figlie di Oceano e di Teti, sembra che fossero tremila, eccone un breve elenco: Acaste, Anfiro, Asia, Admeto, Calliroe, Clitia, Criside, Calipso, Cherchide, Climene, Dione, Dori, Elettra, Eudora, Europa, Eurinome, Galaxaura, Ianira, Iante, Ippo, Idia, Meti, Melobosi, Menesto, Ociroe, Plexaura, Polidora, Pito, Primno, Perside,... Leggi ebbe nome Admeto.

Crediti
   • >Ἄδμητος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica
Re di Fere in Tessaglia, figlio di Ferete, marito di Alcesti (Apollod. Bibl. 1, 8, 2; 9, 16). Partecipò alla caccia al cinghiale Calidonio e alla spedizione degli Argonauti (Apoll. Rhod. Argon. 1, 49-50).
Questo nome deriva dall’aggettivo verbale di δάμνημι, “domare” con ἀ- privativo e significa dunque “non domato, indomito”. È attestato anche il femminile Admeta (ἈδμήτηSe ne sà di due, una figlia di Teti, l'altra figlia di Euristea. Desiderosa di possedere il cinto di Ippolita (regina delle Amàzzoni) causa la nona fatica di Eracle.... Leggi), sacerdotessa argiva figlia di Euristeo (Pausan. 8, 4, 4).

Crediti
   • >Ἄδμητος •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Alcesti
27% PoesieRainer Maria RilkeSchiele Art
Caduto in ginocchio, Admeto si coprì il volto con le mani, per non vedere più nulla dopo quel sorriso. • Rainer Maria Rilke • • Alcesti • • Egon Schiele • •
All’improvviso niente
18% AforismiMichail BulgakovSchiele Art
Sì, l’uomo è mortale, ma questo sarebbe un male da poco. Il peggio è che talvolta egli è mortale all’improvviso.
Il mito degli Androgini
18% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettareBevanda degli dèi, che dava l'immortalità a chi la beveva.... Leggi (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯
Il prezzo delle derrate
16% Jacques RouxSocietà
Eh! Che cos’è la libertà, quando una classe d’uomini ne può affamare un’altra? Che cos’è l’eguaglianza, quando il ricco può, col suo monopolio, esercitare diritto di vita e di morte sui suoi simili? Libertà, eguaglianza, repubblica: tutto ciò non è più ch⋯
La ragione dell’uomo
15% Maximilièn RobespierreSocietà
Il mondo è cambiato e deve ancora cambiare. Cosa v’è di comune tra ciò che è e ciò che fu? Le nazioni civilizzate sono succedute ai selvaggi erranti nei deserti: le fertili messi hanno preso il posto delle antiche foreste che ricoprivano il globo. Un mond⋯