Giovane favorito da Ares AresFiglio di Zeus e di Era. Dio della guerra, turbolento e litigioso rappresentava più la violenza che l'eroismo ed il coraggio, perché in guerra Ares non distingue gli amici dai nemici "e volano ciechi i colpi dalle mani". Gli dèi, compreso il padre, non... Leggi e suo ruffiano nelle avventure erotiche, fu un giorno incaricato di vigilare mentre il dio era appartato con Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi. Però nella lunga attesa il giovane si addormentò ed Elio Dio greco del sole, nato da Iperione e Eurifaessa. ... Elio, tu figlia di Zeus, Musa Calliope, canta: il dio luminoso, che al figlio di Gea e di Uranio stellato Eurifaessa generò: si congiunse infatti Iperione con Eurifaessa, sua gloriosa sorella... (XXXI Inno omerico... Leggi che stava spiando nascosto da una nube avvisò subito Efesto EfestoDio del fuoco e fabbro della mitologia greca, era l'equivalente del dio Vulcano dei Romani. Siccome Zeus aveva generato Atena senza partecipazione femminile, facendola nascere dalla sua testa, Era ingelosita volle fare altrettanto e così senza avere contatto con uomo, generò Efèsto, ma nacque... Leggi il quale sorprese in flagrante i due amanti. Ares infuriato per la negligenza del giovane lo mutò in gallo.

Crediti
   • Ἀλεκτρύων •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica
Nome della vedetta incaricata da Ares di segnalargli l’arrivo del giorno, mentre il dio era impegnato ad amoreggiare con Afrodite, (Eustath. ad Hom. 1598, 61); è evidente l’allusione al canto del gallo.
È attestato in miceneo nella forma A-re-ku-tu-ru-wo (PY An 654.8). Significa “gallo” ed è stato costruito su ἀλέκτωρ, “difensore”, in quanto si riferisce ad un animale combattivo (Chantraine, DELG, s. v. ἀλέξω); Ruijgh (“Minos” 9, 1968, p. 153) preferisce interpretarlo invece come un derivato di *ἄλεκτρον, “strumento di difesa”.

Crediti
   • Ἀλεκτρύων •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Canzone ovvia
21% Paulo FreirePoesieSocietà
Riposarmi dal molto che farò, Mentre ti attenderò. Chi attende nella pura attesa Vive un tempo di attesa vana. Per questo, mentre ti attendo Lavorerò i campi e Converserò con gli uomini Bagnerò di sudore il mio corpo, che il sole brucerà; le mie mani dive⋯
Dimora d’ogni cosa
19% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯
Forma originaria dei sogni
19% IneditiPoesieSergio Parilli
Ogni giorno è così, ancorati per i reni al nostro terribile amo dell’esistenza, che ci squarta da dentro e ci lacera da fuori. Siamo tutti come piccoli pesci in attesa di essere pescati e forse un giorno finiremo in un grande acquario fino a che anche l’u⋯
Dimora d’ogni cosa
19% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notte arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯
I tesori dell’Invisibile
17% FilosofiaPlatone
Quando i cigni capiscono di dover morire – anche se il canto non manca a loro nella vita passata – proprio in quei momenti alzano le note più forti e più splendenti, allegri, perché stanno per trasferirsi dal dio di cui sono ministri. Gli uomini, per la p⋯