Erano due mostruosi giganti (OtoGigante, figlio di Ifimedea e di Posidone, fratello di Efialte (Hom. Od. 11, 307-320; Apollod. Bibl. 1, 7, 4), col quale tentò di conquistare l'Olimpo. Secondo Höfer (in Roscher, Myth. Lex. III col. 1232) e von Kamptz (Homerische Personennamen, p. 270) il nome dovrebbe... Leggi e EfialteNome di due giganti: 1. uno degli Aloadi che assalirono l'Olimpo, fratello di Oto (Hom. Od. 11, 307 ss.), figli di Aloeo e di Ifimedea; 2. uno degli avversari degli dèi, ucciso da Apollo ed Eracle (Apollod. Bibl. I 6, 2); 3. ed anche... Leggi) figli di Alòo ed Ifimedia (pare che crescessero di nove pollici al mese). Essi presero attivamente parte alla guerra contro Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi. Zeus chiese tregua ai gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi che pretesero ArtemideDea romana delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e della caccia per i greci si chiamava Anrtemide ed era la sorella gemella di Apollo. Aveva molte cose in comune col fratello: le morti improvvise degli uomini erano attribuite ad Apollo, quelle... Leggi e Era come ostaggi, allora Zeus mandò Ares AresFiglio di Zeus e di Era. Dio della guerra, turbolento e litigioso rappresentava più la violenza che l'eroismo ed il coraggio, perché in guerra Ares non distingue gli amici dai nemici "e volano ciechi i colpi dalle mani". Gli dèi, compreso il padre, non... Leggi a combatterli, però Oto ed Efialte riuscirono a battere il dio e lo rinchiusero in una prigione di ferro per tredici mesi, fino a che Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi lo liberò. Artemide convinta che gli dei sarebbero riusciti a sconfiggere con la forza i due giganti, un giorno sotto forma di cerva andò incontro al loro carro di guerra e quelli nel tempestarla di frecce involontariamente si uccisero l’un l’altro.


Crediti

   • ἈλκμαίωνUccise la madre Erifile, colpevole di essersi invaghita di un monile offertole da Polinice se gli avesse rivelato il nascondiglio del marito Anfiarao che si era nascosto per non partecipare alla guerra dei Sette contro Tebe, Erifile tradì il marito che trovò la morte... Leggi •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Mostruosi giganti chiamati Oto ed Efialte, figli di Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi e di IfimediaMoglie di Alòo, innamoratasi di Poseidone genera col dio due figli: Oto ed Efiàlte.... Leggi, sposa di AloeoFiglio di Poseidone e Canace, figlia di Eolo, sposa la nipote Ifimedia, figlia del fratello Triope, da cui genera i giganti Oto ed Efialte (Hom. Il. 5, 386). Questi sono definiti Aloadi anche quando sono detti figli di Ifimedia e Poseidone (Od. 11, 305... Leggi. Presero il loro appellativo dal marito della madre: si diceva che crescessero di ben nove pollici al mese. Cresciuti sfidarono Zeus che dopo lunghi combattimenti chiese una tregua. I giganti pretesero allora Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi ed Era in ostaggio, oltraggiando l’olimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi che inviò Ares a sterminarli. Costui fallì e venne imprigionato in una gabbia di ferro per tredici mesi, fin quando non sopraggiunse il valoroso Eracle, suo liberatore. Artemide si trasformò in cerva e andò incontro al loro carro bellico: nel volerla tempestare di frecce si uccisero accidentalmente l’un l’altro. Per un’altra tradizione, fu Zeus a fulminarli e condannarli alla persecuzione eterna ed anche che quando cercarono di scalare l’Olimpo, furono uccisi da Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi.


Crediti

   • Ἀλωάδαι •
 • Wikipedia •
 • Mitologia greca •
Similari
Possibilità di diventar uomini
23% FrammentiHermann Hesse
Non vorrà mica considerare uomini tutti i bipedi che passano per strada soltanto perché camminano diritti e la gestazione dei loro figli dura nove mesi! Lei capisce che molti di loro sono pesci o pecore, vermi o sanguisughe. E quanti sono formiche, quanti⋯
Situazione reale
17% Roberto BolañoSchiele Art
La situazione reale: stavo da solo in casa, avevo ventotto anni, ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi appena tornato dopo aver passato l’estate fuori dalla provincia, a lavorare, e le stanze erano piene di ragnatele. Non avevo più un lavoro e i soldi, col contagocce, mi sarebbero bastati⋯
Capro espiatorio
15% AforismiPrimo Levi
In ogni gruppo umano esiste una vittima predestinata: uno che porta pena, che tutti deridono, su cui nascono dicerie insulse e malevole, su cui, con misteriosa concordiaSpirito romano che incarnava l'armonia della comunità.... Leggi, tutti scaricano i loro mali umori e il loro desiderio di nuocere. • Primo Levi • • L⋯
Osservazioni psicologiche
14% Arthur SchopenhauerEstratti
Qual valore può avere un essere, che non sia null’altro da ciò che sono appunto milioni di suoi simili? Milioni? Si tratta piuttosto di un’infinità, di un numero senza fine di esseri, che la natura fa scaturire senza tregua, da una sorgente inestinguibile⋯
Il giudizio di Paride
14% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’Olimpo tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯