Popolo nomade, che viveva a nord del fiume Boristene (Dnepr), non lontano dai Melancleni, e non aveva nulla in comune con gli Sciti; Herodot. 4, 18. Lo stesso Erodoto in 4, 106 li definisce “i piú selvaggi tra gli uomini”, con costumi particolarmente feroci e una lingua propria; sarebbero il solo popolo a praticare quest’usanza. In altre fonti sono annoverati tra gli Sciti, e si narra che bevano in coppe fatte di crani umani, si facciano tovaglioli con gli scalpi, e sottosella con la pelle dei nemici che scuoiano con le unghie, cfr. Paradox. Vat. 47. In Philostr. Vita Apollon. 6, 25, sarebbe invece un popolo etiope, come i Nasamoni, i PigmeiPopolazione di piccoli uomini posti ai confini dell'ecumene: Omero (Il. 3, 3-7) li colloca sulle rive dell'Oceano. Secondo Esiodo (Fr. 150, 9-11 e 18-19 M.-W.) sono figli di Gea e di Poseidone. Il loro scontro con le gru (Geranomachia), raccontato dal logografo Ecateo di... Leggi e gli SciapodiPopolo favoloso, situato in Libia o in Etiopia (Hecat., FgrHist 327 Jacoby , apud Steph. Byz. s. v.), in India (Philostr. Vita Apollon. 3, 47, che considera mere invenzioni le notizie attribuite allo Ps. Scilace di Carianda), o anche altrove. Avevano una sola gamba... Leggi.
Il nome significa semplicemente “mangiatori di uomini”, da ἀνὴρ e dal tema φαγ-, “mangiare” (cfr. AcridofagiIn opposizione con i popoli civilizzati, "mangiatori di pane", si nominano questi "Mangiatori di cavallette", (Schol. Hom. Od. 8, 222), che quando vedono del pane credono si tratti di escrementi. Secondo Strabone, (16, 4, 12), vivono presso gli Etiopi Camusi, sono piccoli di statura... Leggi, FtirofagiPopolo del Caucaso citato da Strabone 11, 2, 1; 11, 2, 19 (da cui Steph. Byz. s. v.), famoso per la sua sporcizia. Ne parla anche un Teofane di Mitilene (storico, Ia metà del sec. I a.e.v.) citando "quelli che scrissero le storie di... Leggi, StruzofagiPopolo dell'Etiopia descritto da Diod. Sic. Bibl. 3, 28, 1-2. Vivono presso gli Etiopi Camusi, e cacciano gli struzzi, "grandi come cervi e incapaci di volare", della cui carne si nutrono. Analoghe notizie si trovano in Agatharch. De mari erythreo, 57 (in Aristoph. Epit.... Leggi, etc.), come il piú comune ἀνθρωποφάγοι, composto verbale retrogrado attivo.

Crediti
   •  Ἀνδροφάγοι  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Luce proiettata con slancio
18% Empedocle d’AgrigentoPoesie
Gli uomini, dal breve destino, scrutano solo una piccola parte della vita con le loro esistenze, e innalzandosi come fumo dileguano, solo affidati a quel poco che ciascuno incontra a caso, mentre vagano per ogni dove… …il sangue che circola nel cuore, que⋯
Imbarazzante male necessario
16% Andrew NiccolCinema
Alla fine, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sarò rilasciato, esattamente per la stessa ragione per cui lei pensa che sarò condannato. Io sono in rapporti d’affari con i più vili e sanguinari uomini della Terra che si sono proclamati leader. Ma alcuni di questi uomini sono i nemici dei⋯
I doveri verso la patria
15% Giuseppe MazziniPolitica
(…) La Patria non è un aggregato, è una associazione. Non v’è dunque veramente Patria senza un diritto uniforme. Non v’è Patria dove l’uniformità di quel Diritto è violata dall’esistenza di caste, di privilegi, d’ineguaglianze – dove l’attività d’una po⋯
A favore degli oziosi
15% FilosofiaFriedrich Nietzsche
In segno del fatto che la stima della vita contemplativa è scemata, i dotti gareggiano oggi con gli uomini attivi in una sorta di frettoloso godimento, sicché sembra che apprezzino questo modo di godere più di quello che veramente a loro si confà e che in⋯
Un senso della vita
15% FrammentiLev Nikolàevič Tolstòj
Allargai il raggio delle mie osservazioni, esaminai la vita di enormi masse di uomini, sia di quelli passati sia di quelli contemporanei. E di uomini che avevano capito il senso della vita, che avevano saputo vivere e morire io ne vedevo non due, tre, die⋯