Popolo favoloso, situato per lo piú in Cilicia, collegato al “talamo di Tifone e di Echidna”; Hom. Il. 2, 783: εἰν Ἀρίμοις, ὅθι φασὶ Τυφωέος ἔμμεναι εὐνάς; Hesiod. Theog. 303-308 e Comm. West ad l.; in entrambi i casi è possibile si tratti del dativo plur. di τὰ Ἄριμα, scil. ὄρη, cioè non un di popolo, ma di una catena montuosa, “nei monti Arimi”; Strabo 12, 8, 19; 13, 4, 6; 16, 4, 6>. Esiste anche un τὸ Ἄριμον (scil. ὄρος), Schol. ad Il. 2, 783 a, dove sarebbe nato Tifone Personificazione del vento impetuoso del Sud. Dopo che Zeus aveva sconfitto i Giganti, Gea sempre più furibonda per la triste sorte dei figli, con l'intento di vendicarsi si accoppiò con Tartaro e generò questo essere mostruoso. Ecco come Esiodo lo descrive nella Teogonia: Tifeo... Leggi
da un uovo fecondato dallo sperma di Cronos.
Etimologia sconosciuta e difficilmente ricostruibile. Un curioso errore di lettura (ripreso in alcuni MSS, presente in Anon. Exeg. in Hes. Theog. 304 e Schol. Lycophr. Alex. 1353, cfr. Virgilio, Aen. 9, 716) ha prodotto la forma Εἰν-άριμοι, in latino Inarime, con cui si identificava l’odierna Ischia. Inarime si ritrova in Plinio, Nat. hist. 3, 82, insieme con la ridicola etimologia di Pitecusa da πίθος “giara, vaso” (anziché da πίθηκος, “scimmia”), ripresa oggi ancora in Der neue
Pauly s. v., vedi correttamente Beekes, Etym. Dict. Gr. s. v. p. 1189. L’accostamento con altri lessemi che presentano qualche somiglianza fonetica, come Aramei, aramaico (presente già in Strabo, 13, 4, 6) non ha alcun fondamento serio.

Crediti
   •  Ἄριμοι •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Invalidi trasporti amorosi
13% AforismiGiovanni VergaSchiele Art
Quando nei trasporti amorosi non si mette lo stesso abbandono dalle due parti, una delle due è ridicola di certo. Non so quale.
Remoto asilo di quiete
12% FrammentiJoseph Conrad
Allora udì di nuovo quella voce contenuta, il cui potere pacificatore, in mezzo alla discordanza spaventosa dei rumori, era tale che si sarebbe detto venisse da qualche remoto asiloImmunità data da un luogo sacro e poi il luogo stesso. Questa usanza era molto diffusa presso i Greci, essi pensavano che la santità di un luogo, tempio o bosco si trasmettesse a chi vi si trovasse e perciò diveniva sacro ed inviolabile. Pare... Leggi di quiete, di là dalla tempesta: udì di nuovo una voce umana – quel suono⋯
La domanda filosofica
12% Carlo SiniPsicologia
Continueremo ad accettare che lo psichiatra si formi esclusivamente in una facoltà di medicina, nella quale già la storia stessa della medicina è presente in modo molto marginale, ma nella quale la filosofia è assente del tutto? Dobbiamo continuare ad acc⋯
Centro della poesia
11% Rainer Maria RilkeSchiele Art
Vedi, io Figlia di Inaco (o di Iaso o di Pireno), primo re di Argo. La bella Io, principessa di Argo, nonostante fosse sacerdotessa della dea Era, fu impalmata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla... Leggi non sono, ma se fossi, sarei il centro della poesia; sarei l’Esatto cui la vita, confusa, non sentita, contraddice. Vedi, io non sono. Perché gli altri sono; mentre si vanno incontro dimenticandosi in cieca brama – io entro tacito nel cane vuoto ⋯
Rappresentazione primitiva della madre
11% Schiele Art
La rappresentazione della Sacra Famiglia, segna una profonda trasformazione del tema madre-bambino. La triangolazione padre – madre – bambino, qui presente, sembra immersa in una dimensione tragica: la madre deve allontanarsi dal padre per proteggere il pr⋯