Era figlia di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di MetisNella mitologia greca, personificazione della saggezza; figlia di Oceano e di Teti. Fu moglie di Zeus prima di Era ed un oracolo le predisse che avrebbe partorito un figlio che avrebbe detronizzato il padre. Per evitare ciò, Zeus la divorò quando era incinta. Qualche... Leggi. Così come aveva fatto Crono I latini lo identificarono con Saturno, era il più giovane dei Titani. Sua sposa fu Rhea (Opi per i romani), nota anche col nome di Cibele, dal nome della dea frigia chiamata Madre degli déi o Grande Madre. Figlio di Urano (il cielo) e... Leggi anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto EfestoDio del fuoco e fabbro della mitologia greca, era l'equivalente del dio Vulcano dei Romani. Siccome Zeus aveva generato Atena senza partecipazione femminile, facendola nascere dalla sua testa, Era ingelosita volle fare altrettanto e così senza avere contatto con uomo, generò Efèsto, ma nacque... Leggi funse da ostetrico spaccandogli la testa con un colpo di scure.
Atena nacque già adulta ed armata di tutto punto. Atena era una dea dalle molteplici attività; ella rappresenta l’invito alla ponderazione e alla misura. Da lei impararono l’arte i fabbri, i carpentieri navali, gli orafi, i fonditori e da lei le donne impararono l’arte di filare e tessere. Atena è pure patrona di tante altre arti e scienze, fra le quali la medicina, l’agricoltura, la pedagogia e tante altre scienze. Era raffigurata vestita di peplo con l’elmo in testa e armata di lancia e scudo. Dai Romani venne identificata con la dea Minerva.


Crediti

   • Ἀθήνη •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Zeus si unì anche a Metis, che aveva tentato di sfuggirgli continuando ad assumere forme diverse, ma invano. Quando restò incinta, Zeus con l’inganno la inghiottì, prima che potesse partorire. Infatti aveva predetto che avrebbe avuto una bambina: ma se dopo avesse partorito una seconda volta, sarebbe stato un maschio, destinato a diventare il padrone del cielo. Per questo timore Zeus aveva inghiottito Metis; e quando arrivò il momento del parto, ordinò a Prometeo di colpirgli la testa con la scure (altri invece dicono che fu Efesto a farlo): e dal capo di Zeus balzò fuori Atena, là sulle rive del fiume Tritone (Apollodoro, Biblioteca I, 3). …Pallade Atena, gloriosa dea, cui fulge verde lo sguardo, piena di senno, indomito cuore, comincio a cantare. Vergine è vereconda, le rocche difende audace la Tritogenia, che il cervello saggio di Zeus generò come propria sua figlia, di lucide auree armi di guerra vestita… (XXVIII Inno omerico a Atena). Atena era una dea dalle molteplici attività; ella rappresenta l’invito alla ponderazione e alla misura. Da lei impararono l’arte i fabbri, i carpentieri navali, gli orafi, i fonditori e da lei le donne impararono l’arte di filare e tessere. Atena è pure patrona di alcune arti e scienze fra le quali la medicina, l’agricoltura, la pedagogia e tante altre. Era raffigurata vestita di peplo con l’elmo in testa e armata di lancia e scudo. Veniva invocata con vari appellativi: Pallade, Parthenos (Vergine), ecc. Protettrice della città di Atene, il suo culto era svolto sull’Acropoli, dove le erano dedicati il Partenone e l’Eretteo i due simulacri fidiaci: quello del tempio e la statua dell’Atena promachos (che si avvia alla battaglia) statua colossale crisoelefantina. Per la storia della contesa fra Poseidone e Atena per il possesso dell’Attica, (Ovidio, Metamorfosi VI, 70 ss.). Dai Romani venne identificata con la dea Minerva.
Presenze letterarie di maggiore rilevanza
  • Apollodoro, Biblioteca, 1,3,6 ss.; 6,1 ss.;2,4,3; 4,11; 3,14,1; 6; 12,3.;
  • E. Dahlberg, Olivo di Minerva;
  • Dionigi di Alicarnasso, Antichità Romane, 1,68 ss.; 2,66,6.;
  • Eschilo, EumenidiNome sotto cui venivano onorate le Furie o Erinni. Per volere di Atena, esse avevano cessato di perseguitare Oreste che perciò le chiamò "Eumenidi" che significa " benefiche ". Tuttavia si pensa che così venissero chiamate per evitare il loro vero nome, portatore di... Leggi;
  • Esiodo,Teogonia, 886 ss.;
  • Euripide, IoneFiglio di Xuto e di Creusa, diede il suo nome agli Ioni (Apollod. Bibl. 1, 7, 3). Il nome del popolo, di cui questo personaggio è l'eponimo, ha secondo Chantraine (DELG, s. v. Ἴωνες) un'etimologia sconosciuta; è confrontabile però con l'egiziano jwn(n)>, l'ebraico jawan,... Leggi, 454 ss;
  • U. Foscolo, Le Grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi;
  • Giovenale, Satire, 10,115 ss;
  • Igino, Fabulae, 164; 166.;
  • Omero,Odissea, 1,96 ss.; 360 ss.; 3,356 ss.; 7,14 ss.; 13,287; ss.; 16,155 ss.; 22,203 ss.- IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi, 2,547;
  • Ovidio, Metamorfosi, 2,552 ss; 6,70 ss. – Fasti, 3,835 ss;
  • Pausania, Periegesi della Grecia, 1,18,2;
  • Pindaro, Odi olimpiche, 7,65 ss. – Odi pitiche, ;
  • Sofocle, Aiace Figlio di Oileo (uno degli Argonauti) era un famoso arciere e molto veloce nella corsa. Prese parte nella guerra di Troia, coraggioso ma brutale, affrontava sia gli dèi che i duci greci. Violentò Cassandra che si era rifugiata nel tempio di Atena per sfuggire... Leggi;
  • Varrone, De Lingua Latina, 5,74;
  • Virgilio, Eneide, 3,578 ss;
Iconografia
  • Frontone occidentale del tempio di Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi, Delfi Luogo sul versante meridionale del monte Parnaso, dov'era il famoso oracolo d'Apollo che per molti secoli fu adorato dai Greci e da numerosi altri popoli. Da una cavità della roccia uscivano dei vapori tossici che avevano la proprietà di eccitare chi li respirava. La... Leggi, MuseoEra il poeta e i sacerdote strettamente legato con Orfeo, di cui una tradizione lo voleva suo figlio e discepolo. In Grecia significò prima tempio delle Muse, mentre a Roma indicava lo studio del letterato, dell'erudito. Era connesso anche con i misteri eleusini dei... Leggi;
  • Metope da Selinunte, Museo Archeologico di Palermo;
  • Metope del tempio di Zeus, Olimpia, Museo;
  • D. Beccafumi, Nascita di Minerva, Siena, Palazzo Bindi-Sergardi;
  • S. Botticelli, PalladeAltro epiteto di Atena. Atena doma il centauro, Firenze, Uffizi;
  • E. Burne-Jones, Atena dona lo specchio a Perseo Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Dato che Polidette considerava d'impaccio per le sue intenzione poco oneste nei confronti di Danae pensò di toglirselo dai piedi spingendo il giovane ad imprese impossibili. Perseo con l'incoscienza della gioventù... Leggi, Southampton, City Art Gallery;
  • H. Rembrant, Pallade Atena, Berlino, Dahlem;
  • G. B. Tiepolo, Minerva, Vicenza, Villa Valmarana;
  • Tintoretto, Disputa di Atena con Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi, Parigi, Museo Jacquemart-André;
  • Veronese, Atena, Mosca, Museo Puskin.

Crediti
   • Ἀθήνη •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Dea figlia di Zeus e Metis, nata dalla testa del dio (Hes. Theog. 886 ss.).
Questo nome è già attestato in miceneo nella forma a-ta-na-po-ti-ni-ja (KN V 52.1, 52 bis) ed è di difficile interpretazione. Carnoy (DEMGR) appoggia l’ipotesi pelasgica di Van Windekens (Le Pélasgique, pp. 40-41), secondo cui l’iniziale Athsarebbe forma pelasgica dell’indoeuropeo *at-no, sanscrito atta, “madre”, con evoluzione t &lt: th; ma Atena non ha in epoca storica caratteri materni. Potrebbe trattarsi di un nome preellenico (cfr. van der Valk, in Snell, Lex. fr. Ep., col. 208).


Crediti

   • Ἀθήνη •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
 ⋯ Identificata dai romani con Minerva, nacque dalla testa di Zeus dopo che ebbe inghiottito la sua prima moglie Metis, per evitare che si compisse una predizione di Gea Dea primigenia della Terra, nata dal Caos, generò da sola Urano e il Ponto. Veniva venerata come divinità della terra e dei morti, considerato che i morti ritornano alla terra. Era raffigurata a mezza figura uscente dal suolo.... Leggi, secondo la quale avrebbe dato alla luce un figlio di tale sapienza e potenza che lo avrebbe detronizzato.
Colpito da una forte emicrania Zeus mandò a chiamare Efèsto (Vulcano) perchè, con un colpo preciso d’ascia, gli aprisse la testa; dal cranio di Zeus, quando fu aperto, uscì Athena, armata e bellissima.
Considerata dai greci dea della ragione, del senno e della guerra, Athena vegliava su chi combatteva senza violenza ma con accortezza e astuzia.
In tempo di pace ad Atena era affidata la protezione delle arti e delle scienze e le attività artigianali.
La dea vegliava anche su ogni impresa che si distinguesse per nobiltà, bellezza e ardimento.


Crediti

   • Ἀθήνη •
 • Wikipedia •
 • Mitologia greca •
Similari
Il mito di aracne
21% MitologiaPublio Ovidio Nasone
AracneFanciulla della Lidia, figlia di Idmone di Colofone, famoso tintore di porpora. Abilissima nell'arte della tessitura, si vantava di essere più brava di Atena, filatrice ufficiale dell'Olimpo, e per questo la sfidò in una gara. Aracne era una comune fanciulla mortale che si era... Leggi, figlia del tintore IdmoneFiglio di Abante (in realtà di Apollo) e di Asteria (o Cirene), partecipò alla spedizione degli Argonauti come indovino (Apollon. Rhod. Argon. 1, 139 ss.), e morí aggredito da un cinghiale. Il nome deriva dal verbo οἶδα, "sapere", il cui derivato a vocalismo zero... Leggi, era una fanciulla che viveva nella città di Colofone, nella Lidia, famosa per la sua porpora. Era molto conosciuta per la sua abilità di tessitrice e ricamatrice in quanto le sue tele erano considerate un dono del cielo ⋯
Il giudizio di Paride
20% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
Lo scudo di Perseo
18% LibriMaria StellaMitologia
Gli antichi greci raccontavano tante storie su Perseo, ma certamente quella che amavano di più era quella in cui il figlio di Zeus e Danae Unica figlia di Acrisio re di Argo e di Euridice. Acrisio avendo avuto dallo oracolo di Delfi la predizione che un giorno sarebbe stato ucciso dal nipote, egli rimediò chiudendo la figlia in una cella sotterranea con la sola compagnia di una ancella, sicuro... Leggi riusciva a tagliare la testa a Medusa Una delle Gorgoni, l'unica mortale delle tre, figlia delle divinità marine Forco e Cheto. Era in origine una bella fanciulla, ma le sue chiome vennero tramutate in serpenti da Atena che volle punirla per essersi concessa a Poseidone in uno dei templi dedicati alla... Leggi, la terribile creatura che aveva delle serpi al posto dei capelli e rendeva di⋯
La ninnananna dell’Ignoto
18% FrammentiWilliam T. Vollmann
La luna sarebbe rimasta nascosta. Chi aveva un tetto avrebbe consumato una lauta cena accanto al fuoco, gustandosi le gocce sui vetri che scomponevano il lampione in una cascata di perle gialle. Avrebbe sentito il battito plumbeo della pioggia per strada,⋯
Arte è…
18% AforismiJohn RuskSchiele Art
Arte è quando la mano, la testa, e il cuore dell’uomo vanno insieme.