Gigante figlio di Giapèto per aver aiutato gli altri gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi nella rivolta contro Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi, fu condannato a reggere il peso del mondo sulle spalle. Egli possedeva il giardino delle esperidi, dove maturavano i famosi pomi d’oro. Prima che Zeus lo condannasse a quella triste pena, ebbe il tempo di avere una numerosa discendenza. figlie sue furono le Pleiadi Figlie di Atlante e della Oceanina Pleione. Per salvare la loro verginità dalle voglie di Orione che da anni le inseguiva, Artemide le mutò nell'omonima costellazione. Ma c'è un'altra leggenda che ci dice che le Plèiadi erano tuttaltro che vergini. Zeus si era accoppiato... Leggi avute da Pleione, da Etna Il vulcano era ritenuto una delle officine del dio Efesto, dove i Ciclopi forgiavano le folgori di Zeus.... Leggi ebbe le IadiDal greco Hyades, le Piovose, nella mitologia antica erano le figlie di Atlante e Pleione. Furono trasformate da Zeus, per aver abbandonato (impaurite da Era) Bacco infante ed essersi rifugiate a Tebe, nelle piovose stelle della costellazione del Toro.... Leggi, da Esperide le Esperidi.


Crediti

   • Ἄτλας •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Gigante figlio di Giapèto e di Asia (secondo altri di Climene1) Figlia di Oceano e Teti, sposa di Giapeto al quale generò Atlante, Prometeo e Epimeteo. 2) Una della Nereidi, moglie di Prometeo e madre di Deucalione.... Leggi) per aver aiutato gli altri giganti nella rivolta contro Zeus, fu condannato a reggere il peso del mondo sulle spalle. Egli possedeva il giardino delle Esperidi, dove maturavano i famosi pomi d’oro. Prima che Zeus lo condannasse a quella triste pena, ebbe il tempo di avere una numerosa discendenza. figlie sue furono le Pleiadi avute da Pleione, da Etna ebbe le Iadi, da Esperide le Esperidi. Fu pietrificato da Perseo Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Dato che Polidette considerava d'impaccio per le sue intenzione poco oneste nei confronti di Danae pensò di toglirselo dai piedi spingendo il giovane ad imprese impossibili. Perseo con l'incoscienza della gioventù... Leggi con la testa della Medusa Una delle Gorgoni, l'unica mortale delle tre, figlia delle divinità marine Forco e Cheto. Era in origine una bella fanciulla, ma le sue chiome vennero tramutate in serpenti da Atena che volle punirla per essersi concessa a Poseidone in uno dei templi dedicati alla... Leggi, venne identificato con le montagne che portano il suo nome.


Crediti

   • Ἄτλας •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Nome del Gigante, figlio di Giapeto e Climene, che reggeva sulle spalle la volta del cielo (Hes. Theog. 507 ss.).
Si tratta di un composto di ἀ- intensivo e del tema τλα-, presente nel verbo τλῆναι, “sopportare, prendere su di sé”; il nome significherebbe allora “colui che sopporta con forza”.


Crediti

   • Ἄτλας •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Lo stesso labirinto
30% Hermann HesseSchiele Art
Il lato diabolico della malinconia è quello non solo di far ammalare le sue vittime, ma anche di renderle presuntuose e miopi, addirittura quasi superbe. Si crede di essere come Atlante che da solo deve reggere sulle proprie spalle tutti i dolori e gli en⋯
Imbarazzante male necessario
18% Andrew NiccolCinema
Alla fine, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sarò rilasciato, esattamente per la stessa ragione per cui lei pensa che sarò condannato. Io sono in rapporti d’affari con i più vili e sanguinari uomini della Terra che si sono proclamati leader. Ma alcuni di questi uomini sono i nemici dei⋯
Il deserto della vita
15% Friedrich NietzschePercorsi
È vero che imparare ad amare se stessi non è un comandamento né per oggi né per domani. Bensì la più squisita, la più astuta, e la più paziente di tutte le arti. Infatti, per il suo possessore, ogni possesso è ben nascosto; e di tutte le miniere, la propr⋯
Infezione temporale dell’esistenza
14% Emil CioranLibri
L’Eterno ha scaricato nell’uomo tutte le proprie imperfezioni, la sua putredine, il suo decadimento. La nostra comparsa sulla terra dovrebbe salvare la perfezione divina. Ciò che nell’Onnipotente era «esistenza», infezione temporale, colpa, si è canalizza⋯
Mediocre chi s’avvede
14% AforismiSchiele ArtUgo Ojetti
Essere un mediocre non è una pena. La pena è accorgersene. Ma è un mediocre chi s’avvede d’esserlo? • Ugo Ojetti • • • • • Egon Schiele • Autoritratto in camicia verde con gli occhi chiusi, 1914 •