1. Uno dei due cavalli immortali di Achille Figlio di Peleo, re dei Mirmidoni e della Nereide Teti. È consacrato come l'eroe per antonomasia. Quando nacque, Teti per renderlo immortale lo immerse nelle acque del fiume Stige tenendolo per i talloni rimanendo così l'unica parte vulnerabile dell'eroe. La Nereide informata dall'oracolo che... Leggi (con Xanto1) Altro nome del fiume Scamandro, sito in Troade. Xanto, insieme col torrente Simoi (Simoenta che confluiva nello Scamandro) si oppose ai greci, e sollevò le sue onde contro Achille. L'eroe era sul punto di soccombere, allorché Era inviò in suo soccorso Efesto armato... Leggi), figli di Zefiro Il Vento occidentale, figlio del titano Astreo e di Eos. Accolse Afrodite alla sua nascita e la portò prima a Citera, poi a Cipro, e fu lo unico vento lasciato libero da Eolo perché spingesse la nave di Ulisse verso Itaca. Rapì Flora, che... Leggi e di dell’Arpia Podarghe, donato da PosidonePosidone è in Omero uno dei tre figli di Crono e di Rea che si divisero il regno del padre: gli toccò il dominio del mare (Hom. Il. 15, 187-193), mentre Ade ebbe il regno degli Inferi e Zeus quello del cielo. L'associazione con... Leggi a Peleo Figlio di Eaco signore di Egina. Cacciato dal fratello Teseo, si era rifugiato in Tessaglia, dove però aveva ucciso accidentalmente il re Eurizione. Andò allora a Iolco e si unì agli Argonauti nella spedizione per la conquista del vello d'oro. Aveva sposato la divina... Leggi, forse in occasione delle nozze di quest’ultimo con Teti Due sono i personaggi col nome di Teti; 1) una è Tethys che fu sposa di Oceano e madre dei fiumi e delle Oceanine. 2) L'altra è Thetis (una oceanina) detta anche Tetide, figlia di Nereo e di Doride e perciò nipote di Tethys.... Leggi. Il terzo cavallo della pariglia di Achille era Pedaso1. Uno dei tre cavalli di Achille, l'unico mortale, mentre Xanto e Balío erano cavalli divini (Hom. Il. 16, 152); e infatti viene ucciso con un colpo di lancia da Sarpedone, (Hom. Il. 16, 466-469). 2. Eroe troiano figlio di Bucolione e della ninfa... Leggi, che viene ucciso in battaglia.
2. Cavallo di Schelmis, vinto nella corsa dalla giumenta di EretteoAntico re ateniese, figlio di Pandione e Zeusippe, nipote di Erittonio (Hom. Il. 2, 547), fratello di Procne, Filomela e Bute (Apollod. Bibl. 3, 14, 8). Secondo Carnoy (DEMGR) deriverebbe dal verbo ἐρέχθω, "battere, rompere"; secondo Chantraine (DELG, s. v. Ἐρι-χθόνιος) il richiamo a... Leggi, chiamata Podarce (Nonn. Dionys 37, 334-337).
3. Uno dei cani di Atteone Giovane che uscito un giorno per una battuta di caccia soprese la dea Artemide e le sue ninfe al bagno. Per incanto della dea seccata, Atteòne venne mutato in cervo, e i suoi cani non riconoscendolo lo sbranarono.... Leggi, in Apollod. Bibl. 33, 4, 4.
Con ritrazione dell’accento, Balíos, deriva semplicemente da βαλιός, “maculato, pezzato“.

Crediti
   •  Βαλίος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Al cominciar dell’erta
18% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Ed ecco, quasi al cominciar dell’erta una lonza leggiera e presta molto, che di pel maculato era coverta; e non mi si partìa dinnanzi al volto, anzi impediva tanto il mio cammino, ch’i fui per ritornar più volte volto.
L’asino in pena
18% Edmond JabèsPoesieSchiele Art
Un asino era davvero in pena a raccontare la sua vita d’asino al bel cavallo bianco che lo sdegnava. «Esprimiti come un cavallo», gli diceva il cavallo. E l’asino gli rispondeva: «Non posso che esprimermi come un asino: lo sono. » Ma irritato il cavallo g⋯
don Chisciotte a Sancho
12% AforismiMiguel de Cervantes
Se i cani latrano, Sancho, è segno che cavalchiamo.
Influenza malsana
12% AforismiKarl KrausSchiele Art
La gelosia è un abbaiare di cani che attira i ladri.
L’abbaiare di cani
12% AforismiKarl KrausSchiele Art
La gelosia è un abbaiare di cani che attira i ladri.