Vecchia moglie del vecchio e povero Filemone (Φιλήμων), abitava in un piccolo villaggio della Frigia. I due coniugi ospitarono cordialmente Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi ed Ermes ErmesFiglio di Zeus e di Maia la più grande delle Pleiadi. Ermes veniva considerato come la personificazione del vento e come tale ne aveva le caratteristiche: la velocità, la leggerezza, l'incostanza, la monelleria e l'umore scherzoso. Caratterizzato da astuzia e abilità, gli furono date... Leggi che viaggiavano in incognito per quelle zone e sino a quel momento non avevano trovato altro che corruzione ed inospitalità. Dopo aver consumato, nella capanna dei due vecchi che si amavano teneramente, un pasto molto povero, i due visitatori si fecero conoscere, e condussero con loro i due vecchi su una montagna, dicendo loro di guardarsi intorno. Filemone e Bauci Vecchia e povera coppia, Filemone e Bauci, abitavano in un piccolo villaggio della Frigia. I due sposi ospitarono cortesemente Zeus ed Ermes che viaggiavano in incognito per quelle zone e sino a quel momento non avevano trovato altro che corruzione ed inospitalità. ...A mille... Leggi videro allora tutto il paese sommerso dal diluvio, che aveva risparmiato la loro capanna, mutata in un bel tempio. Gustata la meraviglia dei vecchi, Zeus chiese loro di formulare un desiderio che sarebbe stato appagato subito.
Con Bauci prima non so che pispiglia, poscia in tal guisa a’ Numi il comun senno palesa Filemon: “Di noi create due sacerdoti e portinai del nuovo tempio; e come l’età concordemente passammo, alle vitali aure ci tolga l’ora stessa; né mai della consorte io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi vegga il sasso funeral né questa le palpebre mi chiuda”. A’ lor desir fur veritiere le promesse.
(Ovidio, Metamorfosi, VIII) Giunti alla decrepitezza, un giorno mentre stavano parlando davanti al tempio, Filemone si accorge che la sua Bauci si stava mutando in un tiglio, e Bauci a sua volta vedeva il marito mutarsi in una quercia; così ebbero il tempo di scambiarsi i più teneri saluti prima che la loro trasformazione si completasse. BÈLIDI Erano le figlie di Dànao meglio conosciute come Danaidi. Dal loro antenato Bèlo presero il nome di Bèlidi.


Crediti

   • Βαῦκις •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •

…A mille case bussarono, in cerca di un luogo per riposare;
mille case sprangarono la porta. Una sola infine li accolse:
piccola, piccola, con un tetto di paglia e di canne palustri,
ma lì, uniti sin dalla loro giovinezza, vivevano
Bauci, una pia vecchietta, e Filemone, della stessa età,
che in quella capanna erano invecchiati, alleviando la povertà
con l’animo sereno di chi non si vergogna di sopportarla…

I due vecchietti si adoprarono di preparare per i loro ospiti quanto possedevano privandosi anche della loro unica oca e del pochissimo vino che possedevano.

E qui i due vecchi si accorgono che il boccale, a cui si è attinto tante volte, si riempie da solo, che il vino da solo ricresce; turbati dal prodigio, Bauci e il timido Filemone son presi dal terrore e con le mani alzate al cielo si mettono a pregare, chiedendo venia per la povertà del cibo e della mensa. C’era un’unica oca a guardia di quella minuscola cascina, e loro erano pronti ad immolarla per quegli ospiti divini.

Dopo aver consumato, nella capanna dei due vecchi che si amavano teneramente, un pasto molto povero, i due visitatori si fecero riconoscere e condussero con loro i due vecchi su una montagna, dicendo loro di guardarsi intorno. Filemone e Bauci videro allora tutto il paese sommerso dal diluvio, che aveva risparmiato la loro capanna, mutata in un bel tempio. Gustata la meraviglia dei vecchi, Zeus chiese loro di formulare un desiderio che sarebbe stato appagato subito.

…”Chiediamo d’essere sacerdoti e di custodire il vostro tempio;
e poiché in dolce armoniaFiglia di Ares e di Afrodite, fu moglie di Cadmo dal quale ebbe moltissimi figli. Alle sue nozze ebbe parecchi doni dagli dèi tranne che da Era. Scacciati dai sudditi da Tebe andarono nell'Illiria dove furono mutati in draghi. Armonia è la protettrice della... Leggi abbiamo trascorso i nostri anni,
vorremmo andarcene nello stesso istante, ch’io mai non veda
la tomba di mia moglie e mai lei debba seppellirmi”.

Il desiderio fu esaudito: finché ebbero vita, custodirono il tempio. Ma un giorno mentre, sfiniti dallo scorrere degli anni, stavano davanti alla sacra gradinata, narrando la storia del luogo, Bauci vide Filemone coprirsi di fronde e il vecchio Filemone coprirsene Bauci. E ancora, quando la cima raggiunse il loro volto, fra loro, finché poterono, continuarono a parlare: “Addio, amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi mio”, dissero insieme e insieme la corteccia come un velo suggellò la loro bocca.
OvidioMetamorfosi VIII
Bauci si mutò in un tiglio, e Filemone in una quercia.


Crediti

   • Βαῦκις •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Donna frigia, che insieme al marito Filemone accolse Zeus ed Ermes; questi mandarono un diluvio su tutti gli altri paesani che non li avevano accolti, ma trasformarono i due in alberi e in tempio la loro capanna (Ovid. Met. 8, 616-715).
Il nome deriva da βαυκός, “molle, tenero“, termine popolare dall’etimologia non precisata (Chantraine, DELG). Room (Room’s Classical Dictionary, p. 73) ritiene che possa avere la stessa origine di BauboEleusina, moglie di Disaule; accolse Demetra e cercò di rallegrarla sollevandosi le vesti a esibire la vulva (Clem. Alex. Protr. 2, 21). Il nome deriva dal verbo popolare βαυβάω, "dormire", ma ha assunto anche il significato di "sesso femminile". Meno accettabili le proposte formulate... Leggi, ed in particolare che sia spiegabile tramite πραΰνω, “calmare“, ma si tratta di ipotesi immotivata.


Crediti

   • Βαῦκις •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Ero nella massima ubiquità
23% FilosofiaHenri Michaux
Sulla riva di un oceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi tropicale, nei mille bagliori dell’argentea luce di una luna invisibile, fra le ondulazioni delle acque in tumulto, senza posa mutevoli… Nel taciturno frangersi, nelle trepidazioni della distesa illuminata, nel martirizzante va e v⋯
Una vecchia ferita
19% FrammentiJohn Fante
Ho vomitato sui loro giornali, ho letto i lori libri, studiato le loro abitudini, mangiato il loro cibo, desiderato le loro donne, ammirato la loro arte. Ma sono povero, il mio nome termina con una vocale dolce e loro odiano me, mio padre e il padre di mi⋯
La faccia notturna
19% LibriSylvia Plath
Mi sembrava che la cosa più bella del mondo doveva essere l’ombra, le mille mobili forme e i mille anfratti dell’ombra. C’era ombra nei cassetti delle scrivanie, negli armadi, nelle valigie, ombra sotto le case, gli alberi, le pietre, ombre dietro gli occ⋯
Lo stesso egoismo fra tutti
18% Patrick CreaghSocietà
Il filosofo itinerante troverà uomini e donne uguali, al fondo, dappertutto. In ogni cuore c’è la stessa ambizione; la stessa credulità in ogni mente; la stessa furfanteria in ogni prete; lo stesso desiderio di dominare in ogni donna; e lo stesso egoismo ⋯
Tradiamo senza sosta noi stessi
18% Schiele ArtThomas Bernhard
Tradiamo senza sosta noi stessi, quando preferiamo gli altri, quando per così dire li rendiamo migliori di quanto in definitiva non siano, ho pensato. Facciamo un torto a loro, quando per così dire ci dichiariamo dei loro, e intanto facciamo un torto a no⋯