Dea greca della violenza. Figlia del titano Pallante1) Titano sposo di Stige e padre di Bia, Crato, Nike e Zelo. 2) Altro Pallànte era un Gigante che nella guerra contro Zeus venne ucciso da Atena che si prese sia la sua pelle che il suo nome.... Leggi e della dea fluviale StigeEra il fiume infernale che girava nove volte attorno all'Ade. La dea con lo stesso nome era madre di Zelo, Nike, Crato e Bia. Zeus per ricompensarla di essere immediatamente intervenuta in suo aiuto nella guerra contro i Titani, stabilì che il suo nome... Leggi e sorella di Cratos, il «potere», con cui spesso collaborava. Secondo le leggende, i due ebbero da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi l’incarico di incatenare Prometeo Titano figlio di Giapeto e di Climene figlia di Oceano. In origine era solamente un Titano intelligente che riuscì ad ingannare Zeus, ma successivamente fu trasformato nel creatore e salvatore del genere umano mentre Zeus appare come un crudele tiranno. Quando i Titani sfidarono... Leggi. Erano gli assistenti al trono di Zeus, sempre pronti a fare rispettare gli ordini del dio.


Crediti

   • Βία καί κράτος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •

Dea della violenza. Figlia di Pallante (Πάλλας -αντος) e di Stige (Στύξ στῠγός) e sorella di Cratos, la “forza” con cui collaborava spesso per eseguire gli ordini di Zeus.
Secondo la leggenda i due fratelli, per ordine di Zeus, incatenarono Prometeo sul Caucaso.
Assistevano Zeus a mantenere l’ordine costituito (come in ogni buon governo totalitario).
Aveva altre due sorelle: Zelos (ΖῆλοςPersonificazione dell'invidia (greco ζῆλος), figlio di Stige, fratello di Nice, Crato e Bia (Hesiod. Theog. 383-385). Probabile la derivazione dal radicale di δίζημαι, ζητέω, "perseguire, cercare"; forse da mettere in relazione col greco ζημία, "danno, perdita, riparazione" (Chantraine, DELG, s. v). Dal greco ζῆλος,... Leggi) “l’emulazione” e Nice o Nike” (Νίκη Dea della vittoria, personificata come giovane donna alata. Era anche detta Nice o Niche.... Leggi)la vittoria” (Esiodo, Teogonia, 561, 383).
A Corinto era venerata assieme a Anance (AnankePersonificazione della "Necessità" o "Costrizione fatale", Parmen. Fr. 8, 30 D.-K. (lat. Necessitas), ha un santuario, non si sa quanto antico, insieme con Bia (la Forza) a Corinto (Pausan. 2, 4, 6). Non sembra sia personificata [come dàimon] in Alcman. Fr. 108 Calame (=... Leggi Ἀνάγκη), in un santuario dove i fedeli non usavano entrare.


Crediti

   • Βία καί κράτος •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
Zeus e Prometeo
23% Giulio Maria ChiodiMitologia
La vicenda raccontata dal mito, il rifiuto di Prometeo di piegarsi alla volontà di Zeus, evoca paradigmaticamente una questione che noi definiremo di principio: l’indipendenza del sapere del potere. Chi ha il potere non ha il sapere e chi ha il sapere non⋯
Prometeo
19% EstrattiFranz Kafka
Prometeo si narrano quattro leggende: Secondo la prima, poiché aveva tradito gli dei per gli uomini, fu incatenato al Caucaso, e gli dei mandavano delle aquile a divorargli il fegato, che continuamente ricresceva. Secondo la seconda, Prometeo per il dolor⋯
Per vera sapienza
18% FilosofiaGiordano Bruno
come io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi certissimamente non fingo e, se erro, non credo veramente errare e, parlando e scrivendo, non disputo per amor de la vittoria per se stessa (perché ogni riputazione e vittoria stimo nemica a Dio, vilissima e senza punto di onore, dove non è la ver⋯
Bersaglio sbagliato
15% SocietàSusan Sontag
Che cosa intendiamo con la parola pace? Intendiamo forse assenza di conflitto? Oblio? Perdono? O forse una grande stanchezza, un esaurimento, il prosciugamento di ogni rancore? A me pare che per la maggior parte della gente pace significhi vittoria. La vi⋯
La libertà di Bruno
13% Bertrando SpaventaFilosofia
Bruno è il vero eroe del pensiero: l’araldo e martire della nuova e libera filosofia. Se libertà non vuol dire un facile dimenarsi nel vuoto, ma il lottare contro gli enimmi dell’universo e contro i vecchi pregiudizi, i vecchi sistemi e tutta la potenza d⋯