Figlio di Smicro, un eroe originario di Delfi e stabilitosi a Mileto; prima della nascita alla madre era apparsa la visione del sole che scendeva nella propria bocca, le passava attraverso il corpo e usciva dalla vulva; fu amato da Apollo, che gli diede il dono della divinazione (Conon. Narr. 33).
Il nome deriva dall’aggettivo βραγχός, “rauco”, termine tecnico la cui etimologia non è chiarita; forse un confronto può essere operato con l’antico irlandese brong(a)ide, “raucedine” (Chantraine, DELG).

Crediti
   •  Βράγχος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Meschine chimere
19% Arthur RimbaudPoesieSchiele Art
…Non possiamo sapere! – Siamo oppressi Da pesante ignoranza e meschine chimere! Scimmie d’uomini, cadute dalla vulva materna, La pallida ragione ci sottrae l’infinito… • Arthur Rimbaud • • • • • Egon Schiele • •
Amare è cercare di spiegare
14% FrammentiGilles Deleuze
L’amicizia può forse nutrirsi di osservazione e conversazione, ma l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi nasce e si nutre d’interpretazione silenziosa. L’essere amato appare come un segno, un’«anima»: esprime un mondo possibile a noi sconosciuto. L’amato implica, include, imprigiona un⋯
Donare il tempo
14% FrammentiJacques Derrida
Anche se il dono non fosse mai altro che un simulacro, è necessario comunque render conto della possibilità di questo simulacro e del desiderio che spinge a questo simulacro. Ed è necessario anche render conto del desiderio di rendere conto. Si tratta di ⋯
Il ritratto della pallida ragazza silenziosa
14% Egon SchieleSchiele Art
Una polluzione del mio amore, – sì. Ho amato ogni cosa. La ragazza arrivò, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi trovai il suo viso, il suo inconscio, le sue mani da operaia; ho amato tutto di lei. Dovevo raffigurarla, perché lei ha quello sguardo e mi era così vicina. Ora è lontana. Ora i⋯
Errore originario
14% FilosofiaFriedrich Nietzsche
«La credenza nella libertà della volontà è un errore originario di ogni essere organico, antico come l’epoca da cui esistono in questo moti di logicità; la credenza in sostanze incondizionate e in cose uguali è del pari un errore originario, altrettanto a⋯