Βρῑσηίς, figlia di BriseFiglio di Ardys, padre di Briseide, citato solo come tale nell'Iliade (Hom. Il. 1, 392; 9, 132 e 274); secondo altre fonti sarebbe stato re e forse sacerdote di Lirnesso, città della Misia, oppure di Pèdasos (in antico detta Moneía) sul fiume Satnioenta, e... Leggi e amatissima schiava di Achille Figlio di Peleo, re dei Mirmidoni e della Nereide Teti. È consacrato come l'eroe per antonomasia. Quando nacque, Teti per renderlo immortale lo immerse nelle acque del fiume Stige tenendolo per i talloni rimanendo così l'unica parte vulnerabile dell'eroe. La Nereide informata dall'oracolo che... Leggi.
Ovidio nella terza lettera delle Eroidi fa scrivere a Brisèide delle bellissime e struggenti parole al suo amato.
Eccone un breve esempio: Questa lettera che leggi ti giunge da Briseide, la donna a te rapita: l’ ho scritta stentatamente in greco con la mia mano di straniera. Tutte le cancellature che vedrai, sono state le lacrime a farle; ma, nondimeno, anche le lacrime hanno il peso della parola.

Crediti
   •  Βελλεροφόντης BellerofonteNome che significa uccisore di Bellero. Non si conoscono con precisione i suoi genitori, giacché si favoleggia fosse figlio di Glauco re di Corinto. Ma Glauco era anche un epiteto di Poseidone, dunque potrebbe essere figlio del dio marino. La madre si chiamava Eurimeda... Leggi  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Patronimico di una fanciulla di Pedaso chiamata Ippodamia 3., figlia di Briseo (o Brise, re e forse sacerdote di Pedaso1. Uno dei tre cavalli di Achille, l'unico mortale, mentre Xanto e Balío erano cavalli divini (Hom. Il. 16, 152); e infatti viene ucciso con un colpo di lancia da Sarpedone, (Hom. Il. 16, 466-469). 2. Eroe troiano figlio di Bucolione e della ninfa... Leggi).
Sposata a Lirnesso, città sul fiume Evenos (oggi Fréneli-thscai) governata dal re Minete (ΜύνηςFiglio di Eveno 2., re di Lyrnessos in Misia, marito di Briseide (Ippodamia 3.), fratello di Epistrofo 2., fu trucidato da Achille quando il giovane eroe conquistò la città prima della guerra di Troia; Hom. Il. 2, 692 ed Eustath. Comm. ad loc. p.... Leggi, Il. 2, 692, 19, 296 ss., cfr. Strabo 13, 1, 7) viene catturata e resa schiava da Achille, che conquista la città e le trucida il marito e tre fratelli (Hom. Il. 19, 295-296), come lei stessa ricorda nel compiangere il morto Patroclo; conosciamo i nomi di Minete (forse il marito) ed Epistrofo, figli di Eveno, uccisi da Achille nella presa di Lirnesso, cfr. Hom. Il. 2, 690-693, e Scholia ad loc. Viene citata 14 volte nell’Iliade (1, 184, 323, 336, 346, 392, 689; 9, 106, 132, 274; 19, 176, 246, 261, 282; 24, 676), dove ha un ruolo abbastanza importante come concubina di Achille e causa della sua ira.
Patronimico dall’etnico Briseo, vid. s. v. Carnoy (DEMGR s. v. Brisēis) suggerisce una improbabile forma ipocoristica di un *Βρισίμαχος, da βρίθω, “carico, schiaccio”, e intende “colei che schiaccia i nemici in battaglia”.

Crediti
   •  Βρισηΐς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Tradurre è scrivere con un po’ più di responsabilità…
20% Antoine BermanLinguaggio
La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza”, è il titolo del libro, tratto da un seminario, che Antoine Berman ha tenuto a Parigi nel 1984, ed è stato pubblicato già l’anno successivo a cura dell’autore. Al centro della riflessione c’è, com’è⋯
Vorrei sapere…
19% Joyce LussuPoesie
Vorrei sapere quando ti ho perso in quale data in che momento forse quel martedì ch’ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi triste o un mese prima d’averti visto forse quella domenica pomeriggio ch’ero allegra e parlavo troppo di me forse in una data remota inesplicabile e ignota come il tr⋯
Notizia della tua esistenza
17% Annie ErnauxSchiele Art
Questa lettera – è evidente – non è destinata a te, e tu non la leggerai. Saranno altri a riceverla, dei lettori, che mentre scrivo sono invisibili quanto lo sei tu. Eppure un residuo di pensiero magico dentro di me vorrebbe che, in maniera inconcepibile,⋯
Dinanzi al colpevole, c’è sempre un’ultima vaghezza
16% Roberto CalassoSocietà
Quando la vita si accendeva, nel desiderio o nella pena, o anche nella riflessione, gli eroi omerici sapevano che un dio li agiva. Lo subivano e lo osservavano, ma ciò che avveniva era una sorpresa innanzi tutto per loro. Così spossessati della loro emozi⋯
Il peso del mondo è amore
15% AforismiAllen GinsbergSchiele Art
Il peso del mondo è amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi. Sotto il fardello della solitudine, sotto il fardello della insoddisfazione, il peso, il peso che trasportiamo, è amore. • Allen Ginsberg • • Jukebox all’idrogeno • • Egon Schiele • >La moglie di Egon con il suo piccolo Nephew •⋯