Figlio di Ardys, padre di Briseide, citato solo come tale nell’Iliade (Hom. Il. 1, 392; 9, 132 e 274); secondo altre fonti sarebbe stato re e forse sacerdote di Lirnesso, città della Misia, oppure di Pèdasos (in antico detta Moneía) sul fiume Satnioenta, e fratello di Crise (Schol. ad Hom. Il. 6, 34; Eustath. Comm. ad Il. 2, 284 ss.; 1, 184, che cita “antichi geografi”). In Omero si trova soltanto nella forma Βρισεύς, Briseo: poi, forse per analogia con il nome del sacerdote ΧρύσηςNome del sacerdote di Apollo della città di Crise in Troade (Hom. Il. 1, 9 ss.; 366 ss.; 451 ss.), padre di Criseide - Astinome; anche il nipote portava lo stesso nome (Hygin. Fab. 121). Antroponimo legato al nome della città della Troade Crise... Leggi, compare anche la forma Βρίσης.
Etimologia non facile; potrebbe anche trattarsi di un nome non greco. Von Kamptz (Homer. Personennamen § 56 b 2, p. 152) lo interpreta come etnico, come il femminile Βρισηΐς, ed evoca la localtà montuosa di Bresa o Brisa nell’isola di Lesbo (Steph. Byz. Ethn. 186, 20 Βρῖσα, ἄκρα Λέσβου), cosí come da Χρύση, città della Troade, sarebbe derivabile il nome di Χρύσης e di sua figlia Χρυσηΐς. I due nomi femminili risultano essere anche patronimici, rispettivamente per Ippodamia (Briseide Βρῑσηίς, figlia di Brise e amatissima schiava di Achille. Ovidio nella terza lettera delle Eroidi fa scrivere a Brisèide delle bellissime e struggenti parole al suo amato. Eccone un breve esempio: Questa lettera che leggi ti giunge da Briseide, la donna a te rapita:... Leggi) e Astinome (CriseideFiglia del sacerdote di Apollo Crise (Hom. Il. 1, 111; 142; 182; 310; 369; 439), il cui vero nome era Astinome (Schol. ad Hom. Il. 1, 392). Il nome è un derivato "patronimico" in -ις, -ιδος di Χρύσης e significa dunque "figlia di Crise"... Leggi), cfr. Eustath. ad Il. 1, 184. In questo caso le due accezioni si potrebbero sommare (patronimico da un nome maschile a sua volta derivato da un toponimo, che si estende come tale anche alle figlie). Sembra da escudere una derivazione da βρίθω “carico” “appesantisco”, ventilata da Carnoy (DEMGR s. v. Brisēis).

Crediti
   •  Βρισεύς (Βρίσης)  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Irene
18% FrammentiItalo Calvino
Irene La più giovane delle Ore, figlie di Zeus e di Temi; fu per i Greci e per i Romani dea e personificazione della Pace. Irene: nata dall'unione di Zeus e Temi, sorella di Dike ed Eunomia, l'una personificazione della giustizia, l'altra della disciplina. Irene... Leggi è la città che si vede a sporgersi dal ciglio dell’altipiano nell’ora che le luci s’accendono e per l’aria limpida si distingue laggiú in fondo la rosa dell’abitato: dov’è piú densa di finestre, dove si dirada in viottoli appena illuminati, dove amm⋯
Perché vuoi sempre spiegare?
15% Elias CanettiPercorsi
Perché vuoi sempre scoprire che cosa c’è dietro? E più dietro ancora, sempre e solo dietro? Come sarebbe una vita limitata alla superficie? Serena? E sarebbe da disprezzare solo per questo? Forse c’è molto di più alla superficie – forse è tutto falso ciò ⋯
La rapidità dello spirito
14% Elias CanettiSchiele Art
Perché vuoi sempre spiegare? Perché vuoi sempre scoprire che cosa c’è dietro? E più dietro ancora, sempre e solo dietro? Come sarebbe una vita limitata alla superficie? Serena? E sarebbe da disprezzare solo per questo? Forse c’è molto di più alla superfic⋯
Usa la leggerezza nel sentire
14% Aldous HuxleySchiele Art
È buio perché ti stai sforzando troppo. Con leggerezza, bimba, con leggerezza. Impara a fare ogni cosa con leggerezza. Sì, usa la leggerezza nel sentire, anche quando il sentire è profondo. Con leggerezza lascia che le cose accadano, e con leggerezza affr⋯
Lo sciogliersi dell’io
13% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Noi lavoriamo continuamente a questo inganno di noi stessi. E ora credete voi, che tanto parlate e decantate l’obliar se stessi nell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi, lo sciogliersi dell’io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi nell’altra persona, che ciò sarebbe qualcosa di sostanzialmente diverso? Dunque si infrange ⋯