Antiche feste religiosei, si celebravano nel mese “skiroforion” (giugno. luglio), alla fine del raccolto. Si poneva una focaccia di farina d’orzo nuovo davanti all’araLuogo dove si compivano i sacrifici agli dei per mezzo del fuoco. Presso i romani si intendevano gli altari dedicati agli dèi e in senso estensivo ad ogni monumento commemorativo di una certa dimensione.... Leggi di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi Polieus, poi si conduceva il toro davanti all’ara, e quando l’animale si chinava per mangiare la focaccia, veniva sacrificato con un colpo di scure, vibrato da un sacerdote, fatto a pezzi e distribuito fra i presenti. La scure del sacrificio veniva gettata nel mare. Le Bufònie facevano parte delle feste diipolie, in onore di Zeus protettore della città.


Crediti

Similari
La creazione contorta a incubo
19% LettereRichard Hughes
Dio fornisce l’accecante pentacolo della Sua potenza perché il fragile mantoFiglia di Tiresia, dotata anch'essa del dono della profezia. A Delfi fu offerta ad Apollo dagli Argivi vittoriosi e rimase a lungo in questa città come Sibilla. Si trasferí poi in Asia Minore, dove sposò il cretese Racio, con cui generò un figlio, l'indovino... Leggi di una persona ci sia plasmato sopra. Perciò se hanno percorso una così improbabile distanza, e nonostante i pericoli, la forza perfetta è di Dio. E se i tratti di famiglia lanci⋯
Voragine dei conflitti
16% Carl Gustav JungSchiele Art
Ciò che respingo lo accolgo in me pur senza accorgermene. Ciò che accetto finisce nella parte della mia anima a me nota; ciò che rifiuto va nella parte della mia anima che non conosco. Quello che accetto lo faccio io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi stesso, quello che rifiuto viene fatto⋯
Dalla Vetta
16% PoliticaRogi
«L’uomo non è mai del tutto se stesso quando parla per proprio conto. Dategli una maschera e sarà sincero» — disse Oscar Wilde. Precisamente, quanti uomini hanno la sincerità di aprirvi il cuore o farvi vedere il loro volto nudo? Il sacrificio altrui… per⋯
Fare niente in modo perfetto
14% Eduardo De FilippoSchiele Art
Tutti credono che far niente sia una cosa facile, ma bisogna vedere questo niente come lo fanno. Socrate, Platone, Diogene, non facevano niente tutto il giorno, ma quel niente lo facevano in modo perfetto. • Eduardo De Filippo • • • • • Pinterest • • • Eg⋯
Pensavamo alla vita
14% Herman MelvillePercorsi
«Peleg! Peleg!» disse Bildad alzando occhi e mani, «tu stesso come io stesso hai visto molti pericoli; tu lo sai, Peleg, che vuol dire avere paura della morte; com’è che puoi sproloquiare in questo modo così empio. Tu smentisci il tuo stesso cuore, Peleg.⋯