Si tratta di un personaggio mitico a cui si attribuisce l’invenzione del giogo (Serv. ad Verg. Georg. 1, 19; Hesych. s. v.).
Il nome è un semplice composto di βούς, “bue” e del verbo ζεύγνυμι, “aggiogare” e significa dunque “aggiogatore di buoi”.

Crediti
   •  Βουζύγης  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il verbo amare
15% Jean CocteauSchiele Art
Il verbo amare è uno dei più difficili da coniugare. Il suo passato non è semplice, il suo presente non è indicativo e il suo futuro non è che un condizionale.
Come una rosa
14% Doré GalleryRoberto Benigni
Quando si parla della Divina Commedia o di Dante, bisogna non tanto capire, perché è semplice anche se non è sempre facile. Come è semplice l’universo, la musica di Bach: semplice ma non facilissima. È tutto vero; siamo lì, è come una rosa.
Come è semplice l’universo
14% Doré GalleryRoberto Benigni
Quando si parla della Divina Commedia o di Dante, bisogna non tanto capire, perché è semplice anche se non è sempre facile. Come è semplice l’universo, la musica di Bach: semplice ma non facilissima. È tutto vero; siamo lì, è come una rosa.
L’affermazione dell’essere
13% Byung Chul-HanFilosofia
Il vuoto o il nulla del buddhismo zen non è dunque una semplice negazione dei fenomeni, o una forma di nichilismo o di scetticismo. Rappresenta piuttosto un’estrema affermazione dell’essere. Soltanto la delimitazione propria della sostanza, che crea tensi⋯
Caos di forme
12% Hermann HesseSchiele Art
Quando dunque un uomo arriva già a sdoppiare la pretesa unità dell’io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi è già quasi un genio, in ogni caso però un’eccezione rara e interessante. In realtà nessun io, nemmeno il più ingenuo, è un’unità, bensì un mondo molto vario, un piccolo cielo stellato,⋯