Nome di due venti figli di Bòrea e di Orìzia. Parteciparono alla spedizione degli Argonauti Erano i cinquantadue eroi Greci partiti nel lunghissimo ed interminabile viaggio alla conquista del Vello d'oro. Capo supremo della spedizione era Giasone, seguono: Tifi, Ergino, Eufemo, Idmone, Mofo, Acaste, Anfiarao, Admeto, Anfidano, Anfione, Anceo, Argo, Asterione, Asterio, Augia, Bute, Castore, Ceneo, Cefeo, Clito, Echione,... Leggi e alla cacciata delle Arpíe dalla TraciaEroina eponima della Tracia, figlia di Oceano e Partenope. Deriva da θρᾴξ, θρᾳκός, che è un nome di popolo senza etimologia, secondo Chantraine (DELG, s. v. Θρᾴξ). Carnoy (DEMGR) ritiene che si possa trattare di un derivato dell'indoeuropeo *treus, "essere fiorente", dato che nella... Leggi. I due fratelli furono uccisi da Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi e poi mutati dagli dèi in venti. Si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi avessero le spalle coperte da scaglie d’oro, le ali ai piedi e lunga capigliatura. CALCÀNTE CalcanteNome dell'indovino, figlio di Testore, che aveva ricevuto da Apollo il dono della profezia (Hom. Il. 1, 69; 92; 2, 300 ss.). Potrebbe derivare dal verbo καλχαίνω, nel senso di "essere agitato, inquieto" e significare "colui che ha pensieri agitati". Von Kamptz (Homerische Personennamen,... Leggi, indovino e sacerdote di Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi che accompagnò il suo popolo all’assedio di Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi.
Predisse che i venti sarebbero stati contrari finché non si fosse sacrificata Igenia figlia di Agamennone Figlio di Atrèo (re di Micene) e di Erope (secondo altre fonti nipote di Atrèo) spodestato del trono da Egisto si rifugiò insieme col fratello Menelao a Sparta presso la corte di Tindarèo, e ne sposò la figlia Clitennestra. Scacciato l'usurpatore dal trono di... Leggi e che la guerra sarebbe durata 10 anni. La sua profezia infatti si avverò. Dopo la presa di Troia andò a Colofone, dove secondo la leggenda sarebbe morto per il rammarico d’esser stato superato da MopsoNome di diversi personaggi, fra i quali due indovini: 1. uno è un Lapita, figlio di Ampige e di Cloride, che partecipò alla spedizione degli Argonauti (Apollon. Rhod. Argon. 1, 65 e passim); 2. l'altro è un nipote di Tiresia, figlio di Apollo e... Leggi nell’arte divinatoria. Era consigliere di Agamennone.


Crediti

   • Κάλαϊς καί Ζήτης  •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome di due venti figli di Bòrea (AquiloneVento freddo di nord.est figlio di Eolo e dell'Aurora, era raffigurato come un vecchio coi capelli bianchi e con la coda di serpente e recava in mano un piatto di olive a simboleggiare le frequenti bufere che scatenava ad Atene città di Atena alla... Leggi per i romani) e di Orìzia (o Oritia). I loro nomi significano: che soffia molto, e che soffia dolcemente. Si dice che avessero la testa e i piedi forniti di ali e i capelli azzurri, e sfrecciassero nell’aria. Furono loro a mettere in fuga dalla Tracia le tre ArpieMostri con testa, busto e braccia di donna e il resto del corpo di uccelli rapaci con ali e artigli. Erano figlie di Taumante e di Elettra. Esse ricorrono anche nella legenda degli Argonauti che le misero in fuga. I loro nomi erano Celeno... Leggi Aello Era una delle Arpie, apportatrice di tempeste. le altre erano Ocipite (Ocitoe) e Celeno.... Leggi, Celeno1) Una delle Arpie che a Salmidesso insozzavano la tavola di Fineo. Incontrata da Enea alle isole Strofadi, gli predisse difficoltà e dolori. 2) Una delle Pleiadi che si concesse a Poseidone che la rese madre di Lico e di Nitteo.... Leggi e OcipeteUna delle Arpìe che risponde anche al nome di Ocitoe o di Ocipode.... Leggi, figlie di TaumanteFiglio di Gea e del Pònto. Padre di Iride e delle Arpie avute dalla sua unione con l'Oceanina Elettra.... Leggi e Ozomene, cacciandole via da Fineo 1) Re di Salmidesso, nella Tracia, venne privato dagli dèi della vista per avere, a sua volta, accecato i figli in seguito a una falsa accusa rivolta loro dalla matrigna Idea. Divenne un famoso indovino. Fu perseguitato dalle Arpie che a ogni pasto gli... Leggi, all’epoca in cui gli Argonauti di Giasone Figlio di Esone che venne privato dal fratellastro Pelia del trono di Iolco, in Tessaglia. Fu affidato alle cure del centauro Chirone; poi, raggiunta l'età adulta, tornò a reclamare il regno che era stato del padre. Pelia accettò di consegnarglielo a patto che prima... Leggi stavano muovendo verso la ColchideRegione dell'Asia dove era custodito il Vello d'oro.... Leggi. Era destino che le Arpie morissero per mano dei figli di Borea; ma anche per i due giovani quello era il giorno fatale, perché sarebbero morti senza riuscire a prenderle. Secondo Acusilao, invece, essi furono uccisi da Eracle a Tiro(in gr. Tyro), nella mitologia greca, figlia di Salmoneo e Alcidice, amata da Posidone, da lui ebbe i gemelli Pelia e Nelia. Secondo un'altra tradizione sposò il dio fluviale Nipeo, generando Neleo, secondo altri, sposò Creteo, con cui generà Esone, Fere e Amitaone.... Leggi, mentre tornavano dai funerali di Pelia Figlio di Poseidone, era fratellastro di Esone al quale strappò il trono di Iolco. Quando il nipote Giasone si presentò a reclamare i suoi diritti, Pelia lo spedì in Colchide alla conquista del vello d'oro. Fu ucciso dalle figlie, ingannate da Medea che le... Leggi. I due fratelli furono poi mutati dagli dèi in venti. Eracle non aveva perdonato ai due giovani di aver consigliato agli Argonauti di abbandonarlo in Misia, quando si staccò dai compagni per cercare lo scomparso Ila Quando Eracle partì con gli Argonauti che l'avevano designato a loro condottiero, portò con lui Ila, il figlio di Ceice (in altra tradizione, Ila è figlio di Teodamante re dei Driopi), giovane di grande bellezza. Avevano oltrepassato l'Ellesponto e navigato a lungo, quando una... Leggi. Dopo averli uccisi innalzò sui loro corpi due lapidi, di cui una vibra al soffio del vento del nord, Borea appunto, il padre dei ragazzi.


Crediti

   • Κάλαϊς καί Ζήτης  •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
Il vento dei secoli
21% AnonimoPoesie
Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi ti racconterò del grande inganno: io ti racconterò come cala la nebbia sui giovani alberi, sulle vecchie ceppaie. Io ti racconterò come si spengono le luci nelle basse case, come, straniero di egizie contrade, soffia lo zingaro nel sottile zufolo sotto⋯
Gli altri in noi
20% FrammentiJames Joyce
Ogni vita è una moltitudine di giorni, un giorno dopo l’altro. Noi camminiamo attraverso noi stessi, incontrando ladroni, spettri, gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi, vecchi, giovani, mogli, vedove, fratelli adulterini, ma sempre incontrando noi stessi.
Incontriamo sempre noi stessi
20% AforismiJames JoyceSchiele Art
Ogni vita è fatta di molti giorni, giorno dopo giorno. Noi camminiamo attraverso noi stessi, incontrando ladroni, spettri, giganti, vecchi, giovani, mogli, vedove,fratelli in amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi. Ma incontriamo sempre noi stessi.
Del nuovo idolo
18% FilosofiaFriedrich Nietzsche
In qualche parte del mondo vi sono ancora popoli e greggi, ma non da noi, fratelli: qui ci sono Stati. Stato? Che cos’è mai? Orsù! Aprite bene le orecchie, perché ora vi dirò la mia parola sulla morte dei popoli. Si chiama Stato il più gelido di tutti i g⋯
La coscienza del male
15% Marie Louise von FranzSchiele Art
Le persone che si lasciano maltrattare dagli altri sono o molto giovani, o troppo candide; ma soprattutto esse sono indirettamente responsabili di ciò che accade loro, non hanno sufficiente coscienza del male che hanno in sé. Se l’avessero, acquisirebbero⋯