Figlia di LeucippoNome di vari personaggi, fra cui: 1. il figlio di Periere e di Gorgofone, padre delle Leucippidi (Apollod. Bibl. 1, 9, 5); 2. il figlio del re di Pisa Enomao (Pausan. 8, 20, 2); 3. il figlio di Turimaco, re di Sicione (Pausan. 2,... Leggi, re di SicioneEroe eponimo della città del Peloponneso (Pausan. 2, 1, 1). Il nome deriva da σικύα, "zucca" (Chantraine, DELG e Frisk, Gr. Et. Wört., s. v. σικύα); secondo Chantraine può essere un prestito, come conferma l'oscillazione fra -ι ed -ε (Σικύων e Σεκύων). Secondo Carnoy... Leggi, da Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi, ebbe il figlio Sicione eponimo dell’omonima città.

Crediti
   •  Καλχινία  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
A Pasifae piaceva il toro
20% Plutarco di CheroneaRacconti
Un giorno la regina Pasifae (la Splendente) Figlia di Elios e di Perseide, quindi sorella di Circe e di Eeta. Fu moglie di Minosse, re di Creta. A proposito del suo matrimonio con Minosse il mito narra che: così come i fratelli anche Pasifae era dotata di poteri magici... Leggi, parlando con alcune amiche, disse: “Francamente del sesso non m’importa nulla. Fosse per me, ne farei a meno”. Non l’avesse mai detto: Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, punta sul vivo, la trasformò in una ninfomane e da quel giorno la poverina non eb⋯
Amare nell’altro
20% AforismiFriedrich NietzscheSchiele Art
Di solito la madre, più che amare il figlio, si ama nel figlio. • Friedrich Nietzsche • • • • • Egon Schiele • Madre e Figlia, 1913 •
Il giudizio di Paride
20% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
L’anima pre-cosciente
19% Carl Gustav JungPsicologia
Lo spirito primitivo non inventa i miti: li vive. I miti sono, originariamente, rivelazioni dell’anima pre-cosciente, involontarie testimonianze di processi psichici inconsci e tutt’altro che allegorie di processi fisici.
Termine d’etterno consiglio
16% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d’etterno consiglio, tu se’ colei che l’umana natura nobilitasti sì, che ‘l suo fattore non disdegnò di farsi sua fattura.