Una delle nove Muse I Romani assimimilarono le Muse con le loro antiche divinità locali chiamate Camene e che erano ninfe delle sorgenti e delle acque venerate presso il boschetto di Porta Capena. Figlie di Zeus e di Mnemosine (che significa Memoria). Il sommo dio si unì per... Leggi. Presiedeva alla poesia epica e all’elegia.
Era rappresentata giovane e bella, coronata d’alloro e nell’atto di scrivere con lo stilo su tavolette cerate, oppure di svolgere un rotolo di pergamena.
Il nome significa: dalla bella voce. Figlia di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di Mnemosine Madre delle nove Muse, generate con Zeus., dea della memoria.

Crediti
   •  Καλλιόπη  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
1. Musa della poesia lirica (Apollod. Bibl. 1, 3, 4).
Il nome è un composto di καλός, “bello” e di ὄψ, appartenente alla radice ὀπ-, “vedere“, ma significante anche “voce“; può essere interpretato quindi come “dal bell'aspetto” o “dalla bella voce“.
2. una delle nove Muse. Presiedeva alla poesia epica e all’elegia. Era rappresentata giovane e bella, coronata d’alloro e nell’atto di scrivere con lo stilo su tavolette cerate, oppure di svolgere un rotolo di pergamena. Il nome significa: dalla bella voce. Figlia di Zeus e di Mnemosine, dea della memoria.

Crediti
   •  Καλλιόπη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Le parole reflue
23% AnonimoPercorsi
La poesia moderna: poesia assoluta, poesia senza fede, poesia senza speranze, è la poesia che è rivolta a nessuno; una poesia fatta di parole che vanno composte tra di sé per affascinare, come se fosse dettato dal marketing per il suo uso e abuso compulsi⋯
Se io sarò là dove sia
21% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Se io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sarò là dove sia Fioretta mia bella , allor dirò la donna mia che port’in testa i miei sospire. Ma per crescer disire mia donna verrà coronata da Amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi.
Ogni sistema di scrittura è un tradimento
21% Roberto BolañoSchiele Art
E cos’è che impararono gli allievi di Amalfitano? Impararono a recitare a voce alta. Mandarono a memoria le due o tre poesie che più amavano per ricordarle e recitarle nei momenti opportuni: funerali, nozze, solitudini. Capirono che un libro era un labiri⋯
La lettura come riscoperta
20% FrammentiJorge Luis Borges
Che una poesia sia scritta o no da un grande poeta è solo importante per gli storici della letteratura. Supponiamo, per seguire il ragionamento, che abbia scritto una bella poesia; consideriamolo un’ipotesi di lavoro. Una volta che l’abbia scritto, quella⋯
Il coraggio di scrivere
19% LibriPaul Léautaud
I bei libri tolgono il coraggio di scrivere, dicono. Che sciocchezza! Per me, almeno. Quando leggo un bel libro, il mio spirito si risveglia, le brutte fantasie scompaiono, scrivere mi appassiona più che mai. Quando leggo un libro insulso, prolisso, uno d⋯