CALLISTO Figlia di Licaone e progenitrice degli Arcadi. Callisto il cui nome significa bellissima era sempre al seguito della dea Artemide e come alla dea era restia a parlare d’amore. Zeus che se n’era infatuato fu costretto a ricorrere ad un travestimento dal duplice scopo: non farsi scoprire dalla gelosissima Era ed ingannare la dolce Callisto, quindi le si avvicinò nelle vesti di Artemide. La ragazza non trovò niente di strano che la dea la accarezzasse, ma quando Zeus passò al sodo era troppo tardi per poter sfuggire. Dopo qualche tempo, le conseguenze diventarono visibili e Artemide, indignata scacciò la povera Callisto che si mise a vagare senza meta per i boschi, finché non partorì un bimbo, Arcade. Era scoperto l’ennesimo tradimento del marito se la prese con Callisto e la mutò in orsa, lasciandole però la mente umana. Passati degli anni, Arcade, che, ormai era giovanotto, un giorno mentre era a caccia vede un’orsa (l’orsa che era sua madre) e mentre stava per ucciderla, Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi trasformò: Callisto nella costellazione dell’Orsa Maggiore e ArcadeFiglio di Zeus e della ninfa Callisto. Insegnò agli uomini a seminare i cereali, a filare la lana e a fare il pane.... Leggi nella costellazione di Boote.


Crediti

   • Καλλιστώ •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯ Figlia di LicaoneNome di diversi personaggi, fra cui: 1. un figlio di Priamo e Laotoe (Hom. Il. 3, 333; 20, 81); 2. un eroe arcade, figlio di Pelasgo e dell'Oceanina Melibea o della ninfa Cillene (Apollod. Bibl. 3, 8, 1); 3. e il figlio di Ares... Leggi e progenitrice degli Arcadi. Callisto il cui nome significa bellissima era sempre al seguito della dea ArtemideDea romana delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e della caccia per i greci si chiamava Anrtemide ed era la sorella gemella di Apollo. Aveva molte cose in comune col fratello: le morti improvvise degli uomini erano attribuite ad Apollo, quelle... Leggi e come alla dea era restia a parlare d’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi.
Zeus che se n’era infatuato fu costretto a ricorrere ad un travestimento dal duplice scopo: non farsi scoprire dalla gelosissima Era ed ingannare la dolce Callisto, quindi le si avvicinò nelle vesti di Artemide. La ragazza non trovò niente di strano che la dea la accarezzasse, ma quando Zeus passò al sodo era troppo tardi per poter sfuggire.
Dopo qualche tempo, le conseguenze diventarono visibili e Artemide, indignata scacciò la povera Callisto che si mise a vagare senza meta per i boschi, finché non partorì un bimbo, Arcade.
Era scoperto l’ennesimo tradimento del marito se la prese con Callisto e la mutò in orsa, lasciandole però la mente umana. Passati degli anni, Arcade, che, ormai era giovanotto, un giorno mentre era a caccia vede un’orsa (l’orsa che era sua madre) e mentre stava per ucciderla, Zeus trasformò: Callisto nella costellazione dell’Orsa Maggiore (che non tramonta mai in quanto Teti Due sono i personaggi col nome di Teti; 1) una è Tethys che fu sposa di Oceano e madre dei fiumi e delle Oceanine. 2) L'altra è Thetis (una oceanina) detta anche Tetide, figlia di Nereo e di Doride e perciò nipote di Tethys.... Leggi le impedisce di immergersi nel mare) e Arcade nella costellazione di Boote.
Ed ecco come dei versi cretici descrivono la costellazione dell’orsa:

E tu, nata dalla mutata ninfa Licaonide
e rapita dalle cime dell’Arcadia,
a cui Teti vieta di immergersi nel gelido OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi,
perché osasti giacere con lo sposo della sua figlia
di latte.


Crediti

   • Κάλλιστος •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Nome di un’eroina della schiera di Artemide che aveva fatto voto di verginità; Zeus però si uní a lei, generando Arcade.
Fu scoperta, uccisa e trasformata nell’Orsa Maggiore (Eratosth. Catast. 1 ss.; 8).
Si tratta di un derivato del superlativo di καλός, “bello” e significa dunque “la bellissima“.


Crediti

   • Κάλλιστος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
La ragazza fatta di neve
19% Chiara BrambillascaRacconti
C’era una volta il contadino Ivan con sua moglie Mar’ja. Loro andavano d’amore e d’accordo. Diventarono vecchi e non ebbero figli e per questo si rammaricavano molto! Ma arrivò un altro inverno e la prima neve cadde abbondante … Così uscirono dalla capann⋯
Esempi clamorosi d’incoerenza
18% Aleksandr Zinov’evSocietà
Dal punto di vista logico la pratica linguistica della gente è uno spettacolo degno del pennello di un surrealista. I discorsi degli uomini politici, dei procuratori, degli avvocati, dei giornalisti, dei propagandisti, degli scienziati, ecc., insomma di t⋯
L’ombra dei miei desideri
16% FrammentiJohann Joachim Winckelmann
Come la donna amata che dalla riva del mare segue con gli occhi colmi di pianto l’amato che si allontana, senza speranza di rivederlo, e crede di scorgere la sua immagine ancora sulla vela lontana, anche a me, come alla donna amata, resta solo l’ombra del⋯
Statuto mentale dell’antropologo
15% PercorsiR.P. Kaushik
Uno degli errori più frequenti che si compie quando ci si accosta a una cultura lontana e diversa dalla propria consiste nell’interpretarla utilizzando quell’insieme di sistemi di riferimento che si è soliti adoperare per analizzare i fenomeni della propr⋯
Apologia della solitudine
15% FilosofiaMiguel de Unamuno
“Mi accusano di non preoccuparmi degli affanni degli uomini. È tutto il contrario. Succede che sono convinto, che non esiste che un solo affanno, uno solo, ed è lo stesso per tutti gli uomini; e mai lo sento e lo comprendo così profondamente, come quando ⋯