Fondatore della città di MegaraFiglia di Creonte 2., una delle mogli di Eracle, madre dei figli che l'eroe uccise in preda alla follía (Lýssa); Eurip. Herc. fur. 9 e passim, Apollod. Bibl. 2, 4, 11. Da non confondere con Megera. Potrebbe avere a che fare con il nome... Leggi.


Crediti

   • Κάριος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Similari
I crepuscoli di Barcellona
37% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Che dire dei crepuscoli annegati di Barcellona. Ricordi il quadro di Rusiñol Erik Satie nel suo studio? Così sono i crepuscoli magnetici di Barcellona, come gli occhi e i capelli di Satie, come le mani di Satie e come la simpatia di Rusiñol. Crepuscoli ab⋯
I comuni canoni
36% Arthur SchopenhauerFilosofia
Chi ha giuste intuizioni in mezzo a cervelli confusi si trova come uno che abbia un orologio che funziona in una città dove tutti i campanili hanno orologi che vanno male. Lui solo conosce l’ora esatta, ma a che gli giova? Tutti si regolano secondo gli or⋯
Krumau Town
36% Schiele ArtWikipedia
Porzione della città di Krumlov. Il centro storico della città è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Era conosciuta come Krumau fino alla Seconda guerra mondiale quando alla fine furono espulsi gli abitanti di lingua tedesca. • Wikipedia⋯
Il fondatore della società civile
32% Jean-Jacques RousseauSchiele Art
Il primo che, avendo cintato un terreno, pensò di dire questo è mio e trovò delle persone abbastanza stupide da credergli fu il vero fondatore della società civile. Quanti delitti, quanti assassinii, quante miserie ed errori avrebbe risparmiato al genere ⋯
Irene
31% FrammentiItalo Calvino
Irene La più giovane delle Ore, figlie di Zeus e di Temi; fu per i Greci e per i Romani dea e personificazione della Pace. Irene: nata dall'unione di Zeus e Temi, sorella di Dike ed Eunomia, l'una personificazione della giustizia, l'altra della disciplina. Irene... Leggi è la città che si vede a sporgersi dal ciglio dell’altipiano nell’ora che le luci s’accendono e per l’aria limpida si distingue laggiú in fondo la rosa dell’abitato: dov’è piú densa di finestre, dove si dirada in viottoli appena illuminati, dove amm⋯