Personaggio della leggenda omerica; figlia di Priamo Il celebre re di Troia vissuto all'epoca dell'assedio acheo. Era figlio di Laomedonte e fratello di Esione, unico maschio lasciato in vita da Eracle quando il padre si rifiutò di pagare i servigi dell'eroe. La sua casata era composta da cinquanta figlie e da... Leggi e di Ecuba Sposa di Priamo, re di Troia, e madre di Ettore, Paride, Cassandra e altri sedici figli. Dopo la caduta della città, che segnò la fine della guerra di Troia, e la morte di Priamo, Ecuba ormai anziana venne fatta prigioniera dai greci (esattamente da... Leggi, ebbe il dono della profezia da Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi ma, avendo respito le sue profferte amorose, fu condannata a non essere mai creduta. Previde i lutti di Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi e la rovina di tutti i suoi abitanti. Presa prigioniera da Aiace Figlio di Oileo (uno degli Argonauti) era un famoso arciere e molto veloce nella corsa. Prese parte nella guerra di Troia, coraggioso ma brutale, affrontava sia gli dèi che i duci greci. Violentò Cassandra che si era rifugiata nel tempio di Atena per sfuggire... Leggi Oileo1. Re della Locride, figlio di Odedoco (Schol. ad Il. 2, 640) e padre dell'Aiace minore (Hom. Il. 2, 527; Apollod., Bibl. 3, 10, 8 etc.), prese parte alla spedizione degli Argonauti, durante la quale fu ferito a una spalla dagli uccelli Stinfalidi (Apoll.... Leggi, fu assegnata ad Agamennone Figlio di Atrèo (re di Micene) e di Erope (secondo altre fonti nipote di Atrèo) spodestato del trono da Egisto si rifugiò insieme col fratello Menelao a Sparta presso la corte di Tindarèo, e ne sposò la figlia Clitennestra. Scacciato l'usurpatore dal trono di... Leggi, il quale la condusse a Micene, dove fu uccisa da ClitemnestraSecondo la leggenda nacque assieme a Castore, Polluce ed Elena, dall'uovo che Leda aveva concepito dopo il rapporto con Zeus che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome Leda la stessa notte si accoppiò col marito Tindareo, Clitennestra nacque dal seme... Leggi. Il suo nome designa, per antonomasia, chi prevede sventure..


Crediti

   • Κασσάνδρα •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯ In Omero Cassandra è solamente «la più bella tra le figlie di Priamo e di Ecuba». Di Cassandra si innamorò Apollo, che per avere le sue grazie promise di insegnarle l’arte della profezia; così Cassandra imparò la mantica, ma venne meno ai patti (Eschilo, Agamennone, 1202-1212; Apollodoro, III, 12, 5). Pare che il dio abbia tolto la credibilità a Cassandra sputando nella sua bocca. Stranamente anche l’indovino Poliido1. Celebre indovino e purificatore di Corinto, figlio di Cerano 1. (Kòiranos), padre di Euchenore 1., al quale aveva previsto una morte di malattia, oppure che sarebbe caduto presso le navi achèe per mano troiana (Hom. Il. 13, 663, 666). Infatti E. fu ucciso... Leggi con quest’atto privò il suo allievo Glauco Figlio di un pescatore della Beozia, un giorno vide che i pesci da lui presi se posati su una certa erba riprendevano, la vita e il movimento. Allora provò a mangiarla e si ritrovò trasformato in divinità marina. Amava Scilla e per farla sua... Leggi dell’arte divinatoria che gli aveva appena insegnato.
C’è una seconda versione su come Cassandra ebbe il dono della profezia, ed è narrata dallo scoliaste a Omero, IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi VII, 44, Priamo e Ecuba avevano dato una festa nel tempio di Apollo Timbreo, e durante la notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi ElenoFamoso indovino, figlio di Priamo e di Ecuba.... Leggi e Cassandra furono dimenticati nel santuario. Al mattino quando i bambini furono ritrovati, con loro c’erano due serpenti che li leccavano sul volto. Alle grida dei soccorritori i serpenti sparirono, ma da quel giorno Eleno e Cassandra ebbero il dono della profezia. Cassandra fu stuprata da Aiace locrese che le fece violenza nella notte fatale di Troia, quando la povera fanciulla si era rifugiata supplice presso il tempio di Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi e si teneva abbracciata alla statua. In seguito a questo l’assemblea degli AcheiStirpe primitiva e leggendaria della Grecia antica, celebrata da Omero. Sarebbero giunti nella penisola ellenica intorno al 1700 a.C., stabilendosi nel Peloponneso, a Creta e sulla coste dell'Asia Minore, e partecipando alla fioritura della civiltà micenea. Parteciparono insieme ai Popoli del Mare (Pelasgi) ad... Leggi aveva deciso di condannarlo a morte per lapidazione, in modo da espiare il sacrilegio che minacciava l’intera comunità, ma Aiace aveva evitato la morte correndo a rifugiarsi presso l’altare della stessa Atena. Si raccontava che davanti a quell’orrore la statua di Atena avesse voltato gli occhi al cielo. Previde i lutti di Troia e la rovina di tutti i suoi abitanti. Fu assegnata ad Agamennone, il quale la condusse a Micene, dove fu uccisa con lui da Egisto Tieste dopo essere stato scacciato da Micene dal fratello Atreo, dopo che gli uccise e servì a pranzo i figli, chiese all'oracolo di Delfi come vendicarsi del fratello. L'oracolo gli rispose che doveva generare un figlio con la propria figlia, Pelopea. Tieste andò a... Leggi Clitennestra.
Il suo nome designa, per antonomasia, chi prevede sventure (in parole povere la Iettatrice).


Crediti

   • Κασσάνδρα •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Figlia di Priamo ed Ecuba, detta anche Alessandra (Hom. Il. 6, 252; 13, 363 ss.; 24, 699; Lycophr. Alex.).
Il nome si presenta in varie forme: Κασάνδρα, Κατάνδρα (con semplificazione ortografica della geminata), Κεσάνδρα, che fa eco al miceneo Ke-sa-da-ra (PY Fg 368). La prima parte del nome potrebbe derivare da una radice *kens-, che si ritrova nel sanscrito samsati, “recitare” e nel latino censeo, “dichiarare in modo formale“; in greco questo radicale avrebbe dato κόσµος. Ciò però non spiegherebbe la -τ- dell’attico Κατάνδρα. Si potrebbe ipotizzare anche un’origine asianica o preellenica, con una trasformazione di un -ανδα finale in -ανδρα; ma ci è reso difficile dall’attestazione del maschile Κάσσ-ανδρος nel IV secolo (Wathelet, Dictionnaire des Troyens de l’Iliade, p. 647). Potrebbe trattarsi di un composto del radicale κασ-, presente in κέκασµαι, “eccellere, brillare” e di ἀνήρ, “uomo” e significherebbe allora “colei che eccelle fra gli uomini“. Riguardo alla seconda parte del composto si vedano le obiezioni di Sommer (Zur Geschichte der griechischen Nominalkomposita, pp. 189-90) e le osservazioni di Heubeck (“Beitr. Namenf.” 8, 1957, pp. 273-74).


Crediti

   • Κασσάνδρα •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il giudizio di Paride
24% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
La vita delimitata dalla morte
20% Georg SimmelPercorsi
Alla maggior parte degli uomini la morte appare come un’oscura profezia che aleggia sulla loro vita, ma che solo al momento della sua realizzazione avrà qualcosa a che fare con la vita, proprio come sulla vita di Edipo Figlio di Giocasta e di Laio re di Tebe. L'oracolo di Delfi aveva previsto a Laio la morte per mano di un figlio, al che il re fece di tutto per non averne. Ma il Fato, che non può essere ingannato, gli fece il... Leggi la profezia che egli prima o poi avr⋯
Il destino di Cassandra
20% Anna Maria TocchettoStorie
Il mito di Cassandra, ce lo ricordiamo tutti. Lei annunciò la fine della sua famiglia, della corte, del regno e di tutto il suo popolo. Non taceva mai Cassandra, pur sapendo tali verità che l’avrebbero segnata per sempre e inevitabilmente come una pazza, ⋯
Donare il tempo
20% FrammentiJacques Derrida
Anche se il dono non fosse mai altro che un simulacro, è necessario comunque render conto della possibilità di questo simulacro e del desiderio che spinge a questo simulacro. Ed è necessario anche render conto del desiderio di rendere conto. Si tratta di ⋯
Evitare la bestialità
17% Schiele ArtVasilij Grossman
C’è un dono superiore rispetto a quello dei geni della scienza e della letteratura, dei poeti e degli scienziati. Tra le persone di talento, se non di genio, tra i virtuosi delle formule matematiche, del verso poetico, della frase musicale, dello scalpell⋯