Per dieci anni gli AcheiStirpe primitiva e leggendaria della Grecia antica, celebrata da Omero. Sarebbero giunti nella penisola ellenica intorno al 1700 a.C., stabilendosi nel Peloponneso, a Creta e sulla coste dell'Asia Minore, e partecipando alla fioritura della civiltà micenea. Parteciparono insieme ai Popoli del Mare (Pelasgi) ad... Leggi non riuscirono a prendere Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi, finché Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi, lasciando la sede dei beati, giunse in sembianza di fanciulla presso Epeo Era figlio di Panopeo, che era stato compagno di battaglia di Anfitrione, e comandò un contingente di trenta navi all'assedio di Troia. Figura secondaria nell'epica omerica, benché avesse un ruolo di qualche rilevanza in tradizioni mitiche parallele. Non sembra che fosse un valente guerriero,... Leggi e fermandosi vicino la testa, in sogno gli suggerì di realizzare solertemente un cavallo di legno. Gli assicurò che lei stessa lo avrebbe aiutato. Ascoltate nel sonnoNell'antica mitologia greca, il dio del sonno, figlio dell'Erebo e della Notte.... Leggi le parole della dea, esultando nel cuore, Epeo si svegliò e giunto il mattino raccontò agli Argivi il sogno divino, così come lo vide, così come lo sentì. Questi, avendolo ascoltato, si rallegrano e allora inviarono uomini nei boschi del monte Ida1) Catena di montagne della Troade, in Asia Minore, dove si svolsero il giudizio di Paride, l'incontro tra Anchise e Afrodite e il ratto di Ganimede da parte di Zeus. Una tradizione vuole che qui si siano celebrate le nozze segrete tra Zeus ed... Leggi a tagliare alberi grandi di alto fusto, che spogliati delle cortecce seccavano rimpiangendo la furia del vento.

Epeo costruì un cavallo di legno di mirabile grandezza, cavo all’interno con delle aperture nascoste nei fianchi. In esso si raccolsero i guerrieri più valorosi (segue elenco). Gli altri durante la notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi avrebbero dovuto bruciare le tende, prendere il mare e dirigersi a Tenedo, pronti però a ritornare la notte seguente. Tutti furono d’accordo, e intanto i capi entrarono nel cavallo di legno, agli ordini di OdisseoFiglio di Laerte e Anticlea (Hom. Od., passim). Le interpretazioni degli antichi sono diverse: già nei poemi omerici, questo nome è riportato al verbo *ὀδύσ(σ)ομαι, "essere arrabbiato, adirato con qualcuno, odiare"; il nome sarebbe il ricordo di un fatto sgradevole e doloroso, accaduto prima... Leggi; e sul cavallo misero una scritta che diceva: I GRECI DEDICANO QUESTA OFFERTA AD ATENA PER IL LORO RITORNO A CASA. Gli altri bruciarono le tende e lasciarono a terra solo SinoneEra la spia lasciata a Troia dai Greci, quando finsero di togliere l'assedio (Apollod. Epit. 5, 15; 19). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome deriverebbe dal verbo greco σίνομαι, "nuocere, danneggiare" e significherebbe quindi "colui che nuoce" (cfr. Sini). Immisch (in Roscher, Myth. Lex. IV... Leggi, che avrebbe dovuto mandargli dei segnali di fuoco; poi di notte salparono, e gettarono l’ancora vicino a Tenedo.

A questo spettacolo, i Troiani credettero che i nemici fossero partiti e Priamo Il celebre re di Troia vissuto all'epoca dell'assedio acheo. Era figlio di Laomedonte e fratello di Esione, unico maschio lasciato in vita da Eracle quando il padre si rifiutò di pagare i servigi dell'eroe. La sua casata era composta da cinquanta figlie e da... Leggi ordinò che il cavallo fosse portato sulla rocca e che tutti si dedicassero all’impresa.
Laocoonte Principe troiano e sacerdote di Apollo, o di Poseidone. Quando i greci costruirono il gigantesco cavallo di legno sostenendo che si trattava di un'offerta votiva alla dea Atena, mentre in realtà era una trappola, Laocoonte, temendo un inganno, incitò invano i capi troiani a... Leggi accorse furibondo dalle mura e cercò di convincere i suoi concittadini che il cavallo non fosse altro che un’insidia, e scagliò una lancia contro il fianco di legno del cavallo. Allora, Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi inviò due serpenti (dal nome Porcete e Caribea) che divorarono i figli di Laocoonte. Anche Cassandra Personaggio della leggenda omerica; figlia di Priamo e di Ecuba, ebbe il dono della profezia da Apollo ma, avendo respito le sue profferte amorose, fu condannata a non essere mai creduta. Previde i lutti di Troia e la rovina di tutti i suoi abitanti.... Leggi, la profetessa, andava gridando che lì dentro vi erano i nemici, ma non venne creduta.
Dopo che i Troiani ebbero collocato il cavallo sulla rocca e si furono addormentati in preda al vino e alla fatica, gli Achei uscirono dal cavallo che era stato aperto da Sinone e uccisero le sentinelle delle porte; poi fecero segnali agli alleati e li accolsero, impadronendosi di Troia.

Elenco dei guerrieri entrati nel cavallo secondo Quinto Smirneo

Per primo entrò nel cavallo cavernoso
il figlio di Achille Figlio di Peleo, re dei Mirmidoni e della Nereide Teti. È consacrato come l'eroe per antonomasia. Quando nacque, Teti per renderlo immortale lo immerse nelle acque del fiume Stige tenendolo per i talloni rimanendo così l'unica parte vulnerabile dell'eroe. La Nereide informata dall'oracolo che... Leggi e con questo il forte Menelao Figlio di Atreo, il re di Micene, e fratello di Agamennone. Quando sposò Elena, ricevette da Tindareo il trono di Sparta. Ed è proprio Elena, rapita da Paride e causa della guerra di Troia, a dare celebrità a Menelao, che altrimenti sarebbe stato a... Leggi,
Odisseo, SteneloNome di diversi eroi, come: 1. il figlio d'Attore e compagno di Eracle; 2. il figlio di Capaneo; 3. il figlio di Perseo ed Andromeda. Secondo Frisk (Gr. Et. Wört., s. v. σθένος) è forma abbreviata per Σθενέ-λαος, quindi deriva da σθένος, "forza" e... Leggi e anche il divino Diomede Diomede1) Re della Tracia, figlio di Ares e di Cirene famoso per le sue cavalle alle quali dava in pasto gli stranieri che si avventuravano nella sua terra. Per questo fu ucciso da Eracle e il suo corpo dato in pasto alle cavalle. Gli... Leggi;
salì Filottete Figlio di Peante e Metone (o Demonassa), Filottete, in cambio dell'arco di Eracle, fu l'unico che osò accendere la pira dell'eroe per concedergli la tanta desiderata morte. Il mito di Filottete, nelle sue molteplici versioni, è strettamente legato alle vicende della guerra di Troia,... Leggi e AnticloUno dei guerrieri greci nascostosi nel cavallo di Troia. Per poco non tradiva la loro presenza quando Elena uscita con le donne Troiane a guardare il misterioso cavallo si mise ad imitare le voci dei vari guerrieri greci, Ulisse riuscì giusto in tempo a... Leggi, quindi MenesteoEroe attico figlio di Peteo, nipote di Eretteo; rimase sul trono di Atene fino al ritorno di Teseo dagli Inferi, dopodiché si ritirò a Sciro (Hom. Il. 2, 552 ss.; Plut. Vita Thes. 32). Da collegare probabilmente a μενεαίνω, "desiderare vivamente, essere preso da... Leggi,
con questo il magnanimo ToanteNome di diversi eroi, fra i quali: 1. un figlio di Dioniso e Arianna (Apollod. Epit. 1, 9); 2. il padre di Ipsipile (Apollod. Bibl. 1, 9, 17); 3. un figlio di Giasone e Ipsipile; 4. un re di Tauride quando vi giunse Ifigenia;... Leggi e il biondo Polipete1. Un figlio di Apollo e di Ftia, fratello di Doro e di Laodoco, ucciso da Etolo nella Curetide, regione che prederà da quest'ultimo il nome di Etolia; (Apollod. Bibl. 1, 7, 7); 2. il figlio di Piritoo e Ippodamia, della stirpe dei Lapiti,... Leggi,
Aiace Figlio di Oileo (uno degli Argonauti) era un famoso arciere e molto veloce nella corsa. Prese parte nella guerra di Troia, coraggioso ma brutale, affrontava sia gli dèi che i duci greci. Violentò Cassandra che si era rifugiata nel tempio di Atena per sfuggire... Leggi, EuripiloNome di vari personaggi: 1) Figlio di Euristeo, ucciso da Eracle. 2) Figlio di Poseidone, ucciso da Eracle. 3) Figlio di Telefo, alleato dei Troiani.... Leggi e TrasimedeUno dei figli di Nestore, partecipò alla guerra di Troia (Hom. Il. 9, 81; 14, 10). Questo nome è un antroponimo derivato da θάρσος, "audacia, coraggio, sicurezza", a fianco del quale esiste un aggettivo a vocalismo zero θρασύς, "bravo, coraggioso". La seconda parte, tipica... Leggi pari a un dio,
Merione e IdomeneoRe di Creta, figlio di Deucalione; partecipò alla guerra di Troia in quanto pretendente di Elena (Hom. Il. passim). La prima parte di questo nome potrebbe derivare dal monte Ida; secondo Carnoy (DEMGR) la seconda parte deriva da μένος, "forza, ardore"; potrebbe significare allora... Leggi, illustri entrambi;
con questi Podalirio dalla forte asta ed EurimacoNome di uno dei pretendenti di Penelope che più si distinguevano nella reggia di Ulisse (Hom. Od. 2, 177). Si tratta di un composto di εὐρύς, "largo, vasto" e del verbo μάχομαι, "combattere" e significa dunque "che combatte lontano, in un vasto territorio".... Leggi,
il divino Teucro1. Nome di un Troiano, figlio del dio-fiume Scamandro (Apollod. Bibl. 3, 12, 1, 139). 2. Figlio di Telamone, fratellastro di Aiace (Hom. Il. 6, 31; 8, 283 e passim). Chantraine (DELG, s. v. τεύθριον) ritiene l'etimologia di questo nome oscura. Blümel ("Indog. Forsch."... Leggi e il possente IalmenoEroe di Orcomeno dei Minii di Beozia, figlio di Ares e di Astioche, fratello di Ascalafo. Figura col fratello fra gli Argonauti (Apollod. Bibl. 1, 9 16), ma non in Apollonio Rodio; i due successivamente presero parte anche alla guerra di Troia (Hom. Il.... Leggi,
TalpioFiglio di Terefone ed Eurito, fu uno dei comandanti degli Epei d'Elide che parteciparono alla spedizione di Troia (Hom. Il. 2, 618 ss.). Questo nome deriva dal verbo greco θάλπω, "riscaldare, accendere" (Chantraine, DELG e Frisk, Gr. Et. Wört., s. v. θάλπω) e significa... Leggi, AnfimacoNome di diversi personaggi, fra cui: 1. il figlio di Elettrione e di Anasso (Apollod. Bibl. 2, 4, 5; 6); 2. il figlio di Cteato e Teroniche, pretendente di Elena (Apollod. Bibl. 3, 10, 8); 3. il figlio di Polisseno, uno dei capi degli... Leggi e il valoroso LeonteoCapo lapita, figlio di Corono e nipote di Ceneo; partecipò alla guerra di Troia (Hom. Il. 2, 738 ss.). Tale nome deriva da λέων, "leone" e può significare "coraggioso come un leone". Secondo Perpillou (Les substantifs grecs en -εύς, § 200) si tratta di... Leggi;
con questi salì EumeloNome di diversi eroi: 1. il figlio di Admeto ed Alcesti, che partecipò alla guerra di Troia (Hom. Il. 2, 714; 763); 2. un eroe di Cos, trasformato in corvo per la sua empietà (Anton. Lib. Met. 15); 3. il padre di Botre di... Leggi pari ad un dio ed Eurialo,
DemofonteQuando Demetra percorreva la terra in sembianze di comune mortale alla ricerca disperata della figlia Persefone rapita da Ade, fu accolta nella reggia di Eleusi da re Celeo e dalla moglie Metanira. Per ringraziarli della loro benevolenza cercò di rendere immortale l'ultimo nato della... Leggi e il forte AnfilocoFratello di Alcmeone, aiutò il fratello ad uccidere la propria madre Erifile che aveva tradito il marito. Partecipò vittoriosamente alla guerra degli Epigoni. Fu ucciso senza gloria in una rissa tra lui e Mopso.... Leggi e AgapenorePretendente di Elena. Partecipò all'assedio di Troia come condottiero delle sessanta navi degli Arcadi.... Leggi,
con lui AcamanteFiglio di Teseo e di Fedra, partecipò all'assedio di Troia, secondo Omero, fu inviato, insieme con Diomede, alla reggia di Priamo per chiedere la restituzione di Elena. L'ambasciata non ebbe séguito; ma Laodicea, una delle figlie di Priamo, s'innamorò d'Acamante, dal quale ebbe un... Leggi e Megeste e il figlio del valente FileoUno dei figli di Augia, re di Elide, che nella disputa con Eracle si schierò contro il padre e fu cosí da lui bandito (Hom. Il. 2, 628; 15, 528-533; 23, 637). Il nome deriva da φυλή, "tribú". Potrebbe trattarsi di una forma ipocoristica... Leggi;
poi salirono altri, quanti erano di gran lunga i migliori
che il ben levigato cavallo poteva raccogliere all’interno.
Fra questi per ultimo salì il divino Epeo,
proprio lui che il cavallo aveva costruito (perfettamente sapeva
sia aprire che chiudere le aperture di questo,
perciò fra tutti entrò per ultimo). Tirò dentro
la scala per la quale erano saliti; quindi avendo ben fissato il tutto,
presso l’apertura sedeva; poi in silenzio
rimasero tutti quanti, sospesi tra vittoria e disfatta.
(Paralipomeni, libro XII, vv. 314-335)

Crediti
   •  καταιβάτης  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
I cani romantici
30% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A quel tempo avevo venti anni ed ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi pazzo. Avevo perduto un paese ma mi ero costruito un sogno. E possedendo quel sogno tutto il resto non aveva importanza. Né lavorare né pregare né studiare fino a notte fonda insieme ai cani romantici. Quel sogno dimor⋯
Tutto è ancora possibile
22% Andrej TarkovskijFrammenti
(…) faccio spesso questo sogno, ci sono abituato. E non appena vedo le pareti di legno scurite dal tempo, e la porta socchiusa che si apre nel buio dell’ingresso, so già, anche nel sonno, che si tratta solo di un sogno, e la mia incontenibile gioia si s⋯
A tutti gli illusi
19% Corrado d’EliaPoesieSchiele Art
A tutti gli illusi, a quelli che parlano al vento. Ai pazzi per amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi, ai visionari, a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno. Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti. Agli uomini di cuore, a coloro che si ostinano a ⋯
Beati loro, i pazzi!
18% Luigi PirandelloPsicologia
Conviene a tutti far credere pazzi certuni, sai perché? Perché non si resiste a sentirli parlare. Non si può mica credere a quello che dicono i pazzi! Eppure, si stanno ad ascoltare così, con gli occhi sbarrati dallo spavento. Perché? Perché trovarsi dava⋯
A tutti i teatranti
18% Corrado d’EliaPoesieTeatro
A tutti gli illusi, a quelli che parlano al vento. Ai pazzi per amore, ai visionari, a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno. Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti. Agli uomini di cuore, a coloro che si ostinano a ⋯