Mezzo uomo e mezzo serpente, fu ritenuto il fondatore di Atene. Fu Cècrope ad introdurre la monogamia e la sepoltura dei morti. Votò a favore di Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi nella disputa fra la dea e Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi per chi avrebbe dato il dono più utile e di conseguenza il proprio nome alla futura Atene. Atena creò l’ulivo e Poseidone il cavallo. Vinse Atena. Aveva costruito l’Acropoli, per questo detta anche Cecròpia. Introdusse il culto di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di Atena.


Crediti

   • Κέκροψ •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome del primo re dell’Attica, figlio della Terra, che aveva la parte superiore del corpo umana e quella inferiore di serpente (Apollod. Bibl. 3, 14, 1 ss.).
Potrebbe trattarsi di una parola di origine straniera oppure, come la intende Kretschmer (“Glotta” 4, 1913, p. 309), una metatesi di *Κέρκοψ, significante “provvisto di coda”, da κέρκος, “coda”.


Crediti

   • Κέκροψ •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Bastò il piombo
37% FrammentiOmero di Chio
…Era il mostro di origine divina, leone la testa, il petto capra, e dragoMostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi... Leggi la coda; e dalla bocca orrende vampe vomitava di foco1. Eroe eponimo della Focide, figlio di Eaco e della Nereide Psamate, fratellastro di Peleo (Hesiod. Theog. 1004-05) ed anche 2. nome di un abitante di Glissa in Beozia, che stabilì che i numerosi pretendenti della figlia Calliroe dovessero battersi con le armi, ma... Leggi: e nondimeno, col favor degli Dei, l’eroe la spense… La chimera Mostro favoloso, figlia di Idra, poi partorí Chimera, che fuoco spirava, che immane era, tremenda, veloce nei piedi, gagliarda. Essa tre teste aveva: la prima di fiero leone, l'altra di capra, la terza di serpe, d'orribile drago (Esiodo, Teogonia). Fu uccisa da Bellerofonte. Vomitava... Leggi è un mostro mitologico con parti del corpo di animali diversi. ⋯
Mito cosmogonico delle rivoluzioni
17% Dario BertiRacconti
Per Utu – che corrisponderebbe al nostro Zeus o Giove ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi – l’intero universo si configura come un regnum, ossia come uno spazio interamente permeabile all’azione politica. Nello Scongiuro bilingue a Šamaš gli esperti ci leggono: “i grandi dèi si comportano d⋯
Tu non sei Odisseo
16% FrammentiOmero di Chio
Così dicendo baciò il figlio e per le guance il pianto a terra scorreva: prima l’aveva frenato. Telemaco Figlio di Ulisse e di Penelope. Quando il padre partì per la guerra di Troia, Telemaco era appena nato, poi, mentre Ulisse era tenuto lontano da Itaca dall'odio di Poseidone, tenne a bada i pretendenti della madre e si mise in viaggio per raccogliere... Leggi – poiché non ancora credeva che fosse il padre – gli disse di nuovo, rispondendo, parole: . «No, tu non sei OdisseoFiglio di Laerte e Anticlea (Hom. Od., passim). Le interpretazioni degli antichi sono diverse: già nei poemi omerici, questo nome è riportato al verbo *ὀδύσ(σ)ομαι, "essere arrabbiato, adirato con qualcuno, odiare"; il nome sarebbe il ricordo di un fatto sgradevole e doloroso, accaduto prima... Leggi, non sei il padre mio, ma m’incant⋯
Lo smalto sul nulla
16% Horst FantazziniRacconti
Il cambiamento lo colpì con violenza, facendolo sussultare. Arretrò e cadde in avanti aggrappandosi al terreno con le mani aperte. Il sangue prese a pulsare più forte, gli intestini si contrassero e le feci vennero espulse con violenza. Perché non poteva ⋯
Fenomenologia della morte
16% Daniela Ortega de la MadridEstratti
Che cos’è la morte? Annosa questione che nel corso del tempo è stata sollevata innumerevoli volte dall’uomo senza che, per le sue incommensurabili implicazioni, si sia trovata una specifica risoluzione totalmente convincente e soddisfacente, ma che comunq⋯