Cerva di CerineaCerva che aveva le corna d’oro e i piedi di rame, era velocissima nella corsa, tanto che nessun cacciatore riusciva a catturarla e fu una delle dodici fatiche di Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi.


Crediti

Similari
Capire cos’è la sofferenza
26% Milan KunderaSchiele Art
Franz aveva dodici anni quando il padre abbandonò la madre all’improvviso. Il ragazzo intuì che era accaduto qualcosa di grave, ma la madre velò il dramma dietro parole misurate e neutre, per non turbarlo. Quello stesso giorno erano andati in città e Fran⋯
L’incantesimo
22% FrammentiGabriel García Márquez
A lui sembrava così bella, così seducente, così diversa dalla gente comune, che non riusciva a capire perché nessuno era come disturbato dal ticchettio dei suoi tacchi sul selciato, perché nessun altro cuore era selvaggio come la brezza agitato dai sospir⋯
L’infinito non esiste nella realtà
19% David HilbertPercorsi
L’infinito non si trova in nessun luogo nella realtà, a prescindere da quali esperienze, osservazioni e conoscenze si mettano in campo. Il pensiero sulle cose può essere tanto diverso dalle cose? I processi di pensiero possono essere tanto differenti dai ⋯
Destino inesorabile
18% Alessandro BariccoLibri
Sa, è molto bella l’immagine di un proiettile in corsa, è la metafora esatta del destino. Il proiettile corre e non sa se ammazzerà qualcuno o finirà ne nulla, ma intanto corre e nella sua corsa è già scritto se finirà a spappolare il cuore di un uomo o a⋯
Eros
18% FilosofiaPlatone
Poiché Eros ErosNelle più antiche teogonie è la forza generatrice uscita da Caos, contemporaneamente a Gea. Dio dell'Amore, personificazione di questo sentimento. Ignoto a Omero, è citato da Esiodo nella “Teogonia” per cui si può ritenere che il suo mito nasca intorno all'VIII sec.a.C. Fu concepito... Leggi è figlio di PorosDio dell'abbondanza e sposo di Pènia. e di Penìa, si trova nella tale condizione: innanzitutto è sempre povero, e tutt’altro che bello e delicato come dicono i più; al contrario è rude, sempre a piedi nudi, vagabondo, perché ha la natura della madre ed è legato a⋯