Figli di Urano e Gaia, dotati di forza e dimensioni gigantesche, con un solo occhio in mezzo alla fronte (Hesiod. Theog. 139 ss.; 501 ss.).
Il nome significa “coloro che hanno un occhio rotondo”, trattandosi di un composto di κύκλος, “cerchio” e -ωψ, appartenente alla radice che significa “vedere”.

Crediti
   •  Κύκλωπες  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Immaginate un mondo di oggetti incomprensibili
18% FrammentiSaktan Brhage
Immaginate un occhio non governato dalle leggi prospettiche create dall’uomo, un occhio non condizionato dalla logica della composizione, un occhio che non sia sensibile al nome d’ogni cosa ma che debba conoscere ogni oggetto che incontra nella vita attra⋯
La conoscenza dell’amore
16% AforismiMartin Heidegger
I filosofi non sono coloro che amano la conoscenza, bensì coloro che hanno conoscenza dell’amore… • Martin Heidegger • • • • • Pinterest • •
Occhio di Dio
14% AstrofisicaRoberto Calasso
Se la pupilla si chiama kòre, ne consegue che l’occhio per eccellenza è quello di Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Supremo Dio dell'inferno, fratello di Zeus e degli Olimpi. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita)... Leggi: nel suo, infatti, mentre la rapiva, CoreAltro nome di Persefone, figlia di Demetra e sposa di Ade. Bene attestato in miceneo nella forma ko-wa (κόρϜα, KN Ai 63.2, etc.) questo nome significa "fanciulla, vergine"; l'etimologia sembra ricollegabile a κορέ-ννυμι, "nutrire, far crescere" (Frisk, Gr.Et.Wört. s. v. κόρος). [expand title="Crediti" startwrap=""... Leggi vide riflessa se stessa. Da allora, quella fanciulla nell’occhio diventò la pupilla, per tutti. Come se l’occhio fosse appena u⋯
Cose vecchie con occhio nuovo
14% Gian Piero BonaSchiele Art
Gli uomini comuni guardano le cose nuove con occhio vecchio. L’uomo creativo osserva le cose vecchie con occhio nuovo. • Gian Piero Bona • • • • • Egon Schiele • Street in Krumau, 1917 •
La forza della vulnerabilità
14% Percorsi
L’esposizione della propria fragilità, in una transizione dall’immaginario patriarcale, che si percepisce come debolezza, che si ricarica simbolicamente come qualcosa di negativo e tipicamente femminile, sembrerebbe mutare, o attraversare, verso un riconos⋯