1. Uno dei gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi, che durante la guerra contro gli dè non avendo più armi; afferrò il gigante Pallante1) Titano sposo di Stige e padre di Bia, Crato, Nike e Zelo. 2) Altro Pallànte era un Gigante che nella guerra contro Zeus venne ucciso da Atena che si prese sia la sua pelle che il suo nome.... Leggi, che Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi aveva in quel momento mutato in pietra, e lo lanciò ai suoi avversari.
2. Altro Δαμάστωρ era figlio di NauplioFiglio di Poseidone e di Amimòme, inventò il modo di stabiliire le rotte facendo riferimento all'Orsa Maggiore.... Leggi e Amimona, padre di Peristene1. Figlio di Egitto (Àigyptos) e della Naiade Caliadne, uno dei 50 infelici mariti delle Danaidi, scannati nella prima notte di nozze, Apollod. Bibl. 2, 1, 5 (19). 2. Figlio di Damastore, un discendente di Amimone e di Posidone, Pherec. Fr. 4 e 10... Leggi.
3. Itacese, citato solo in forma di patronimico quando viene menzionato suo figlio Agelao., uno dei Pretendenti, come Δαμαστορίδης Ἀγέλαος, Hom. Od. 20, 321; 22, 212; 293 (acc.).
4. Padre del guerriero licio Echio, Hom. Il. 16, 416, anche qui nel patronimico Δαμαστορίδην Ἐχίον; Echio viene massacrato da Patroclo Amico di Achille. Lo seguì a Troia e combatté al suo posto quando Achille, sdegnato contro Agamennone, si rifiutava di aiutare i Greci. Scambiato dai Troiani per Achille, capovolse le sorti della battaglia ma rimase ucciso da Ettore... Leggi insieme con altri hetàiroi del licio Sarpedon(t)e. Non si ritrova in miti o racconti posteriori.
5. Nomen agentis dal tema δαμ- di δάμνημι e δαμάω; significa “colui che prostra, che domina (i nemici)“, cfr. DamasoGuerriero troiano (hapax), ucciso dal tessalo Polipete figlio di Piritoo, durante l'attacco alle navi achee; con un colpo di lancia gli viene spappolato il cervello attraverso l'elmo, Hom. Il. 12. 183. Il nome è di normale formazione greca in -oς, derivato dal tema δαμ-... Leggi e Adamastor. Si nota anche qui che nei poemi omerici l’onomastica di troiani e alleati anatolici è prevalentemente di formazione greca.

Crediti
   •  Δαμάστωρ  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
L’uomo e la morte
14% AnonimoSchiele Art
Ne Il Profeta il tema della grandiosità si coniuga con il tema melanconico, il personaggio di luce in primo piano si confronta con un doppio di morte. Evidenti sono i collegamenti formali con Colui che vede sé stesso (1911), chiamato anche L’uomo e la mor⋯
La giustizia non è ritorsione
14% Dacia MarainiPercorsi
I destini familiari si ripetono attraverso le generazioni, quasi una fatalità che si tramanda da padre in figlio, da madre in figlia. Non so se sia una maledizione o una benedizione. Le donne come natura sono uguali agli uomini, ovvero capaci di fare il m⋯
Rappresentazione primitiva della madre
13% AnonimoSchiele Art
La rappresentazione della Sacra Famiglia, segna una profonda trasformazione del tema madre-bambino. La triangolazione padre – madre – bambino, qui presente, sembra immersa in una dimensione tragica: la madre deve allontanarsi dal padre per proteggere il p⋯
L’uomo che riceve l’amore è colui che lo dà
13% Bertrand RussellFrammenti
Essere oggetto d’amor è una causa potente di felicità, ma l’uomo che chiede l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi non è colui al quale viene concesso. L’uomo che riceve l’amore è, generalmente, colui che lo dà. Ma è inutile tentare di darlo per calcolo, allo stesso modo che si può pre⋯
Il grafomane
13% Jacques DerridaLinguaggio
La scrittura è il figlio miserabile. Il miserabile. Il tono di Socrate è talvolta accusatore e categorico, denuncia un figlio traviato e ribelle, un eccesso e una perversione, talvolta impietosito e condiscendente, compiange un vivo orbato, un figlio abba⋯