Figlio di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di Elettra 1) figlia di Oceano e Teti, fu madre delle Arpie e di Iride generate con Taumante; 2) una delle Pleiadi amata da Zeus, ebbe dalla loro unione Dardano, il capostipite della dinastia di Troia.... Leggi, fu il mitico antenato dei Troiani e, per loro tramite, dei Romani. Fondò in Troade la città che prese il suo nome e da lui deriva il anche il nome di Dardanelli, l’antico Ellesponto.


Crediti

   • Δάρδᾰνος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
1. Capostipite ed eponimo della città chiamata Dardania, e della regione omonima a sud dei Dardanelli, lato asiatico.
2, Figlio di Zeus e di Elettra, e fratello di Iasione (sì, proprio quello che cercò di violentare Demetra DemetraNota presso i Romani col nome di Cerere, apparteneva alla prima generazione divina degli dei Olimpi, come i fratelli Zeus, Ade e Poseidone e le sorelle Era ed Estia. Era quindi figlia di Crono, che la inghiottì come secondo (infatti la il primo piatto... Leggi). Dardano lasciò la Samotracia per trasferirsi nel continente antistante, dove fu accolto da Teucro, figlio di Scamandro (il fiume). Da Teucro1. Nome di un Troiano, figlio del dio-fiume Scamandro (Apollod. Bibl. 3, 12, 1, 139). 2. Figlio di Telamone, fratellastro di Aiace (Hom. Il. 6, 31; 8, 283 e passim). Chantraine (DELG, s. v. τεύθριον) ritiene l'etimologia di questo nome oscura. Blümel ("Indog. Forsch."... Leggi ebbe in sposa la figlia Batia e una parte del territorio dove fondò l’omonima città. Quando Teucro morì chiamò Dardania l’intera regione e da lui deriva il anche il nome di Dardanelli, l’antico Ellesponto. Fu antenato dei Troiani e tramite loro, dei Romani.
3. Guerriero troiano, figlio di un Biante, con suo fratello Laogono viene ucciso da Achille, che li getta entrambi giú dal cocchio e li finisce a colpi di lancia e di spada; Hom. Il. 20, 460-462.
Nome derivato da un etnonimo, Δάρδανοι (Δαρδάνιοι, Δαρδανίωνες, femm. Δαρδανίδες), popolazione forse da identificare con i Dədny alleati degli Ittiti nella battaglia di Kadesh (1275 a.C.) in Omero è spesso usato per designare gli alleati dei Troiani. Il patronimico Δαρδανίδης è detto di Priamo o anche di Ilos. Etimologia non chiara, certo può essere di origine non greca (Wathelet, Dict. des Troyens, p. 400; Steiner in Snell Lex.fr.Epos s. v.). L’accostamento con la voce δάρδα, glossata μέλισσα, “ape”, non sembra offrire un’interpretazione plausibile. Poco si ricava anche dall’evocare la glossa δαρδαίνει· μολύνει, “egli imbratta, insozza”, cfr. Ant. ingl. tord “escremento”, Lettone dìrst, “cacare”, Specht KZ 66 pp. 203, o con il popolo illirico o macedoneEroe eponimo della Macedonia, figlio di Zeus e Tuia (Hesiod. Fr. 7 in Steph. Byz. s. v.), o di Eolo (Hellan. Fr 74 Fowler; Strab. 7, 1, 11). Il nome è confrontato da Frisk e Chantraine (Gr.Et.Wört., DELG, s. v.) con μακεδνός, "lungo, slanciato",... Leggi dei Δαρδανεῖς, cfr. Polibio 2, 6, 5-6, da intendersi come “sporcaccioni”, Schmutzfinken, (Fick, KZ 44, p. 339, citato in Frisk, GEW s. v.). Anche l’ipotesi (Carnoy, DEMGR p. 43) che si tratti di una formazione a raddoppiamento espressivo dall’idionimo Darete (Δάρης1. Personaggio che diventerà famoso in tradizioni tarde come autore di una cronaca sulla Guerra di Troia (de excidio Troiae), nell'Iliade è citato due volte come ricco sacerdote di Efesto e padre di due giovani guerrieri, Fegeo e Ideo, trucidati in battaglia da Diomede;... Leggi) non spiega molto.


Crediti

   • Δάρδᾰνος •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
Istituzioni politiche
16% AristotelePolitica
È naturale che non sia una novità per chi si occupa di filosofia della politica la divisione in classi – quella dei guerrieri e quella dei contadini – del corpo della cittadinanza. Questo ordinamento vige tuttora in Egitto, dove fu stabilito da Sesostri, ⋯
Tramite di qualcosa
16% Antonio MorescoSchiele Art
Gli antichi, parlando della Musa che li ispirava, si esprimevano in modo ingenuo che magari adesso può essere facile compatire e deridere da parte di chi crede di saperne di più. Però, attraverso questa loro presunta ingenuità, ci stavano invece dicendo u⋯
Razziatori del mondo
15% Publio Cornelio TacitoStorie
Ma dopo di noi non ci sono più altre tribù, ma soltanto scogli e onde e un flagello ancora peggiore, i romani, contro la cui prepotenza non servono come difesa neppure la sottomissione e l’umiltà. Razziatori del mondo, adesso che la loro sete di universal⋯
Irene
13% FrammentiItalo Calvino
Irene La più giovane delle Ore, figlie di Zeus e di Temi; fu per i Greci e per i Romani dea e personificazione della Pace. Irene: nata dall'unione di Zeus e Temi, sorella di Dike ed Eunomia, l'una personificazione della giustizia, l'altra della disciplina. Irene... Leggi è la città che si vede a sporgersi dal ciglio dell’altipiano nell’ora che le luci s’accendono e per l’aria limpida si distingue laggiú in fondo la rosa dell’abitato: dov’è piú densa di finestre, dove si dirada in viottoli appena illuminati, dove amm⋯
I tre scalini
13% Fernanda PivanoStorie
Attraverso queste finestre, porte, spioncini, lucernari di notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi arrivava il grido dei detenuti di Regina Coeli. “Mamma”, si sentiva urlare. “Quando vieni? So’ innocente!”. “So’ i carcerati, signò, che se parleno con le famiglie dal Gianicolo. Non è roman⋯