Demoni frigi o cretesi, appartenenti al seguito di Rea o Cibele (Pausan. 5, 7, 6 ss.; 8, 1).
Il nome significa “dita”, e si spiega considerando l’abilità manuale di questi personaggi o attraverso miti eziologici.

Crediti
   •  Δάκτυλοι  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Mondo meno misero
14% Naima Luta InadanPoesieSocietà
Ho un po’ di anarchia tra le dita, La lascio scivolare lenta A perdersi nel mondo, Sperando possa renderlo Meno vuoto. Sperando possa renderlo Meno misero. Ho un po’ di anarchia tra le dita, La lascio scivolare lenta A perdersi tra le mie labbra, Sperando⋯
Essere infelici nella felicità
12% Franz KafkaSchiele Art
Essere felici nella disgrazia”, che significa anche “essere infelici nella felicità” (ma il primo è forse più decisivo), è stata forse la sentenza impressa in fronte a Caino. Essa significa che non si va più di pari passo col mondo, significa che chi port⋯
Indifferente e disorientata
12% Oliver SacksSchiele Art
Sull’aeroplano per Denver avevo letto un testo eccezionale, scritto da una bambina normale, molto dotata, di nove anni – una storia di fate da lei creata, con un meraviglioso senso del mito: tutto un mondo di magia, animismo e cosmogonie. Mentre camminava⋯
Io ti desidero
12% LinguaggioRoland Barthes
Il linguaggio è una pelle: io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sfrego il mio linguaggio contro l’altro. È come se avessi delle parole a mo’ di dita, o delle dita sulla punta delle mie parole. Il mio linguaggio freme di desiderio. Il turbamento nasce da un duplice contatto: da una parte, ⋯
Lezione finita
11% PoesieSchiele ArtWalt Whitman
Anima, è l’ora tua, per il libero volo nell’ineffabile, Via dai libri, dall’arte, il giorno cancellato, la lezione finita, Tutta ne emergi, e in silenzio scruti, considerando i temi Figlia di Urano e di Gea, fu la seconda moglie di Zeus (Esiodo, Teogonia v. 901 e sgg.) col quale ebbe le Ore e le Moire. Fra Temi ed Era, seconda moglie di Zeus, stranamente esistevano rapporti molto cordiali. Temi non è la dea... Leggi che più ami, La notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi, il sonnoNell'antica mitologia greca, il dio del sonno, figlio dell'Erebo e della Notte.... Leggi, la morte e le stelle.