Nome di diverse eroine, tra cui: 1. una delle figlie di Bellerofonte, madre di Sarpedone (Diod. Bibl. 5, 79); in Hom. Il. 6, 197, è chiamata Laodamia; 2. moglie di Piritoo (Plutarch. Thes. 30, 3; forse da integrare in Esiodo (Fr. 280, 27 M.- West), dove anche Ippodamia è possibile; cfr. Hom. Il. 2, 742; 3. una delle figlie di Licomede, generò Neottolemo con Achille quando l’eroe giovanissimo fu nascosto dalla madre Teti a Sciro in abiti femminili (Cypria F 19 (I, II) 21 Bernabé; [Bion.], Epithal. Achill. 5-9; 22-31; Apollod. Bibl. 3, 13, 8).
Dovrebbe trattarsi di un composto di δήϊος, “distruttore, nemico”, aggettivo omerico che si ricollega alla nozione di “battaglia”, δηϊοτής, δηΐς. Si può accostare a numerosi antroponimi di significato analogo, come Deifobo, Deifono, Deifonte, quest’ultimo attestato nel miceneo Da-i-qo-ta KN Da 1164.B, (J. Chadwick, L. Baumbach, The Mycenaean Greek Vocabulary, “Glotta” 41, 1963, p. 181; cfr. P. Kretschmer, “Glotta” 10, 1920, 49). Nella seconda parte è un composto del verbo δάμνημι, “domare”, come IppodamiaNome di diverse eroine, fra cui 1. la figlia di Enomao, re di Pisa in Elide (Pherec. Fr. 37 Fowler; Apollod. Bibl. 3, 10, 1; Epit. 2, 3 s.), che Pelope conquistò vincendo il padre di lei in una corsa di carri; 2. la... Leggi, Laodamia 1. Figlia di Bellerofonte e di Achemone, amata da Zeus generò Sarpendonte. Per il suo orgoglio fu da Artemide uccisa con una delle sue frecce. 2. Altra Laodamia era la moglie di Protesilào che fu il primo dei greci a cadere sotto le mura... Leggi, e il suo corrispettivo maschile Laodamante1. Re di Tebe, figlio di Eteocle, legato alle vicende degli Epigoni e al ciclo tebano, avrebbe dedicato un tripode con esametri scritti in "lettere fenicie" nel tempio di Apollo della città beotica; (Herodot. 5, 61). Nella lotta contro gli Epigoni dopo aver lottato... Leggi. Significherebbe pertanto “colei che doma i nemici” oppure “colei che abbatte distruggendo”, restando sempre possibile che il nome sia un “epiteto” delle imprese e virtú paterne.

Crediti
   •  Δηϊδάμεια  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Rapporto paradossale
15% Erich FrommSchiele Art
Il rapporto tra madre e figlio è paradossale e, per un senso, tragico. Richiede il più intenso amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi da parte della madre, e tuttavia questo stesso amore deve aiutare il figlio a staccarsi dalla madre e a diventare indipendente.
Termine d’etterno consiglio
15% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d’etterno consiglio, tu se’ colei che l’umana natura nobilitasti sì, che ‘l suo fattore non disdegnò di farsi sua fattura.
Varia la parola
12% Paul CelanPoesie
Con alterna chiave tu schiudi la casa dove la neve volteggia delle cose taciute. A seconda del sangue che ti sprizza da occhio, bocca ed orecchio varia la tua chiave. Varia la tua chiave, varia la parola cui è concesso volteggiare coi fiocchi. A seconda d⋯
Rappresentazione primitiva della madre
12% AnonimoSchiele Art
La rappresentazione della Sacra Famiglia, segna una profonda trasformazione del tema madre-bambino. La triangolazione padre – madre – bambino, qui presente, sembra immersa in una dimensione tragica: la madre deve allontanarsi dal padre per proteggere il p⋯
Idea delirante di negazione
12% Gilles DeleuzeSchiele Art
Si noterà che la stessa distinzione delle due nature corrisponde a quella degli elementi, e la fonda: l’elemento personale, che incarna la potenza derivata dal negativo, che rappresenta il modo in cui l’Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi sadico ancora partecipa della natura seconda e pr⋯